Home News Istituzioni NASCE LA MACROREGIONE FORESTALE DEL NORD

NASCE LA MACROREGIONE FORESTALE DEL NORD

SHARE
macroregione forestale

[Lombardia]
AGRICOLTURA, FAVA: OGGI NASCE LA MACROREGIONE FORESTALE DEL NORD

venerdì 26 febbraio 2016

“Oggi a Verona nasce di fatto la Macroregione forestale del Nord, al quale mi auguro potranno unirsi anche altre realta’ per uniformare gli intenti in termini di programmazione regionale forestale”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura della Lombardia, Gianni Fava, che questa mattina a Veronafiere, nel corso della manifestazione “Progetto Fuoco”, ha sottoscritto l’Accordo interregionale sul prelievo legnoso in ambito boschivo e sulla filiera legno, finalizzato a raggiungere strumenti operativi innovativi ed efficaci per favorire la crescita professionale ed economica della filiera bosco-legno.

I NUMERI – Il patrimonio forestale delle Regioni coinvolte nell’accordo copre circa il 29% della loro superficie totale ed e’ pari a circa 3 milioni di ettari con un capitale legnoso di circa 500 milioni di metri cubi, che si caratterizza per un accrescimento annuo in volume pari a circa 10,5 milioni di metri cubi. Il prelievo medio annuo e’ di circa 1,8 di milioni di metri cubi e rappresenta il 18% del prelievo sostenibile sotto il profilo ambientale.

PRIMO PASSO CON FRIULI – Percorso avviato da Lombardia e Federlegno Arredo. “Si concretizza cosi’ un percorso partito all’indomani della mia nomina ad assessore all’Agricoltura della Lombardia – ha ricordato Fava – quando il presidente di Federlegno Arredo, Paolo Fantoni, mi venne a trovare, chiedendo di sostenere la missione degli operatori, armonizzando le diverse misure regionali dei Programmi di sviluppo rurale in ambito forestale”. Il primo passo fu l’accordo fra le Regioni Lombardia e Friuli Venezia Giulia, sulla pioppicoltura.

PREROGATIVA RESTI A REGIONI – “Quella sulle foreste e’ una competenza affidata alle Regioni, per cui non mi manca certo un nuovo ufficio a Roma – ha replicato l’assessore lombardo, dopo che di Crea ha reso noto la volonta’ del governo di aprire una Direzione Foreste in seno al Mipaaf -. La prerogativa e’ regionale e tale deve rimanere, perche’ non possiamo siglare un accordo e allo stesso tempo sottarci a un compito che ci riconosce la legge, sperando che qualche burocrate ci risolva i problemi”.

I FIRMATARI – Oltre all’assessore all’Agricoltura della Lombardia, Gianni Fava, hanno siglato l’Accordo interregionale sul prelievo legnoso in ambito boschivo e sulla filiera legno Giampaolo Bottacin (assessore all’Ambiente e protezione civile, Veneto), Alberto Valmaggia (assessore all’Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Foreste, Parchi, Protezione civile, Piemonte), Enzo Valbonesi (Emilia-Romagna), Stefano Mai (assessore all’Agricoltura della Liguria).

L’ACCORDO – Gli impegni nell’accordo. Piu’ specificatamente, l’accordo prevede: la semplificazione della normativa forestale regionale; la dotazione del Piano forestale regionale; l’incremento del prelievo legnoso annuo legnoso economicamente sostenibile; l’avvio alla gestione delle foreste abbandonate; l’incremento e l’adeguamento a standard ottimali della densita’ viaria camionabile nei boschi a valenza produttiva; la promozione della gestione dei boschi attraverso imprese private della filiera foresta-legno; la campagna coordinata d’informazione e la promozione sull’importanza della filiera italiana del legno e dell’utilizzo di legno italiano; favorire l’aggregazione delle proprieta’ forestali.

Regioni.it

LEAVE A REPLY