Home News Riconnettersi con la Natura nonostante Trump

Riconnettersi con la Natura nonostante Trump

SHARE
Riconnettersi con la Natura nonostante Trump

“Riconnettersi con la natura” nonostante Trump. E’ questo, oggi, il vero senso della Giornata Mondiale per l’Ambiente. Riconnettersi è lo slogan scelto dall’Onu per celebrare la Natura e per recuperare un rapporto con l’ambiente più sano, consapevole, e contribuire a non sprecarne le risorse. Tutt’altro che infinite.

Ambiente, riconnettersi con la Natura nonostante Trump

Oggi, in tutto il mondo, si celebra il nostro Pianeta. Una giornata tutta incentrata sul cambiamento climatico e sulla preoccupazione, anzi il vero allarme, esplodo dopo la decisione del presidente americano di mettere una seria ipoteca sul futuro della Terrra.

I “servizi” che gli ecosistemi naturali forniscono all’uomo, ricordano le Nazioni Unite, hanno un valore talmente grande, dell’ordine di migliaia di miliardi di dollari, che gli economisti ancora faticano a quantificarlo. Eppure su aria pulita, oceani, suolo, biodiversità pende sempre più grande la spada di Damocle delle attività umane e di decisioni scellerate, come quella di Trump, di uscire dall’accordo di Parigi.

Ambiente, il Canada ospita l’evento principale

Quest’anno sarà il Canada a ospitare l’evento principale ma sono centinaia le iniziative in corso, dalla pulizia delle spiagge alle escursioni guidate nella natura. Quella “simbolo” è l’illuminazione di verde degli edifici e monumenti iconici delle città: tra questi l’Empire State Building di New York, il Cristo Redentor di Rio de Janeiro, il Burj Khalifa di Dubai.

Sui social gli utenti sono invitati a condividere immagini della natura, con l’hashtag #WithNature per la creazione dell'”album fotografico sulla natura più grande al mondo”. Gli scatti migliori saranno esposti al Palazzo di Vetro dell’Onu a New York.

Il tutto mentre il mondo guarda con una seria preoccupazione agli Stati Uniti. Erik Solheim, direttore del Programma ambientale delle Nazioni Unite (Unep) ha dato il via alla Giornata con un video messaggio che è un chiaro segnale a Trump, senza citarlo mai la scelta politica è chiara:”Facciamo proprio – ha dichiarato – lo slogan del presidente francese Macron,  Let’s make this planet great again“, “rendiamo il pianeta grande di nuovo”.

Ambiente, una giornata simbolica contro la decisione del Presidente degli Stati Uniti

Solheim ha fatto una scelta di campo. E’ stato Emmanuel Macron, del resto, dopo l’annuncio shock del presidente americano a scippare all’inquilino della Casa Bianca la frase cult Make America great again per rilanciarla in chiave ambientalista. Su Twitter l’hashtag #WorldEnvironmentDay è già in cima ai trend mondiali, secondo, oggi, solo alle tensioni legate al Qatar.

E proprio negli Stati Uniti sono migliaia le iniziative in atto che suonano come una sveglia per il numero uno della Nazione americana: come la pulizia delle spiagge tra Stati Uniti e Messico, un’azione simbolica visti i piani dell’amministrazione Usa sul muro tra i due Paesi. Tra gli altri annunci, l’Unep ha citato quelli di Bosnia Herzegovina e Finlandia che hanno istituito nuove aree protette per oltre 1.600 chilometri quadrati. E per la prima volta, sottolineano le Nazioni Unite, nel mondo le aree marine protette sono più estese di quelle terrestri. Oggi è la Giornata dell’Ambiente e tutti noi, in questi terribili giorni di odio e violenza, sentiamo di doverci seriamente riconnettere con la Natura nonostante Trump.  

SHARE
Previous articleSleepy John , le due vite di un bluesman
Next articleBerlinguer, un evento a trentatré dalla morte
Castalda Musacchio
Giornalista professionista dal 2000, laureata e specializzata in Giornalismo e Comunicazioni di massa, in questi anni mi sono occupata, in particolare, dei rapporti tra media e società. Dopo aver lavorato per le principali testate giornalistiche e agenzie di stampa (ASCA, il Sole24ore, Geos, ed altre) per più di dieci anni sono stata in organico nel quotidiano Liberazione. Ideatrice e fondatrice del quotidiano Daily Green, da gennaio 2011 ricopro il ruolo di direttore responsabile della testata.

LEAVE A REPLY