Home C'era una volta Toyah, la regina della new wave

Toyah, la regina della new wave

SHARE

Toyah, la regina della new wave

Il 18 maggio 1958 nasce a Birmingham, in Gran Bretagna, la cantante Toyah, all’anagrafe Toyah Willcox, una delle voci più originali e più celebrate della new wave britannica.

Il primo sogno era recitare

Da ragazzina la prima idea di Toyah non è quella di cantare, ma di diventare attrice. Frequenta regolari corsi di teatro e sembra avere davvero la stoffa per fare carriera in tutti i campi della recitazione. Partecipa a un musical della BBC, lavora con il National Theatre e si fa notare in film come “Jubilee”, “Il grano è verde” e, soprattutto, “Quadrophenia”, ispirato all’omonima opera rock degli Who, oltre che nel serial televisivo “Dr. Jekyll & Mr. Hyde”. Quella della recitazione non resta, però, la sua unica passione. Con il passare degli anni ne coltiva un’altra. Si chiama musica. Parallelamente all’attività di attrice forma nel 1977 la sua prima band e un paio d’anni dopo pubblica l’album Sheep farming in barnet e il singolo Victims of the riddle.

Rivelazione dell’anno 1980

Nel 1980 pur senza abbandonare il cinema viene insignita del titolo di “rivelazione femminile dell’anno” per gli album Toyah Toyah Toyah e The blue meaning. Sono gli anni di maggior successo per quella che tutti chiamano “la regina della new wave” e vengono scanditi dai record di vendite di album come Anthem e The Changeling. Come accade per tutti i personaggi legati a un genere, la crisi della new wave finisce per appannare la sua stella. A sorpresa, però, nel 1986 torna alla ribalta per il sodalizio con Robert Fripp, l’ex leader dei King Crimson, divenuto anche suo compagno nella vita. I due pubblicano insieme l’album The lady of the tiger e partono per un lungo e, per molti versi, straordinario tour accompagnati da una band di cui fanno parte anche Trey Gunn e il batterista Paul Beavis. L’esperienza accanto a Fripp le consentirà di affrontare gli anni successivi con maggior personalità. Il personaggio della regina della new wave lascerà il posto a una preparata e apprezzata signora della canzone.

 

SHARE
Previous articleEcho & The Bunnymen per la prima volta in classifica
Next articleLa prima pietra dell’Autostrada del sole
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY