Home Green World Hong Kong punta tutto sulla green economy

Hong Kong punta tutto sulla green economy

SHARE

Un’onda verde sta attraversando Hong Kong che vira verso la green economy. Come l’hotel Landscape, sempre piu’ aziende si prefiggono specifici  impegni “verdi” nelle loro dichiarazioni di responsabilita’ aziendali, determinando un effetto a catena sull’organizzazione di eventi aziendali, dove sempre piu’ compagnie pretendono che i loro fornitori e partner commerciali adottino e propongano soluzioni e comportamenti eco-compatibili.

Hong Kong punta sulla green economy

Alcuni hotel, ad Hong Kong, hanno fatto del verde e dell’ecosostenibilita’ la loro peculiarita’, nel tentativo di soddisfare meglio questo segmento crescente di acquirenti e fare la loro parte per l’ambiente. L’hotel Landscape si trova a 5 minuti dall’Hong Kong International Airport ed ha la certificazione di EarthCheck hotel.

Oltre alle sue camere dotate di un sistema di illuminazione fotovoltaica, che offrono sia la vista sul mare che quella panoramica sulle montagne torreggianti, la struttura vanta altre iniziative verdi, tra cui un bidone verde in tutte le camere, per incoraggiare gli ospiti alla raccolta differenziata dei rifiuti per il riciclaggio, cosi’ come una serie di servizi certificati da Ecolabel e Ecocert.

Per i clienti ci sono una serie di iniziative verdi, come la visita all’Organic Green Farm, fare un tour culturale nel villaggio di pescatori Tai O, oppure partecipare a lezioni di cucina green a prezzi speciali.  Ad ospitare e soddisfare gli eventi, dei nuovi environmentally-coscient meeteng planner, citiamo anche il Resort Arca di Noe’, situato nella rigogliosa zona di Ma Wan. La replica in scala della biblica imbarcazione che ospita l’hotel, spazi espositivi a tema, un’arena esterna da 2000 posti e otto sale funzionali, si e’ guadagnata lo Status di Green Globe Hotel 2011.

Anche gli hotel mirano all’efficienza energetica

Chiaramente non tutti gli alberghi di Hong Kong possono vantare quest’effecienza ecologica, ma il presidente della Hotel Association, James Lu, ha sottolineato il fatto che tutto il mondo alberghiero dello stato sta concentrando i suoi sforzi verso la riduzione dei rifiuti come mezzi per conseguire una maggiore efficienza verde per l’ambiente. Uno su tutti, che si e’ adeguato successivamente alla nuova tendenza ecologista, e’ il Gold Coast Hotel: un 5 stelle situato a 30 minuti di auto dal centro della citta’. E’ stato il primo ad introdurre una fattoria ad agricoltura biologica.

Questa introduzione, nel Marzo del 2011, e’ stata necessaria grazie all’aumento della richiesta da parte dei molti clienti manager di multinazionali che esigevano delle precise disposizioni ecocompatibili. I prodotti della terra, le verdure, le spezie, i pomodori, i cetrioli, il mais e il rosmarino hanno fatto il loro debutto sulle tavole dei ristoranti dell’hotel a Gennaio. Inoltre, il Gold coast Hotel ha recentemente installato una macchina che trasforma i rifiuti organici in fertilizzante. Per i grandi eventi programmati di giorno, i progettisti dell’”eco-trasformazione” hanno  costruito un grande padiglione nel bel mezzo del giardino. Lo spazio usa la luce del sole e l’aria fresca naturale, in modo da ridurre il consumo di energia.

Langham Hospitality Group ha lavorato per ottenere tutte le sue proprieta’ certificate da HeartCheck. Ad oggi le sue proprieta’ hanno raggiunto il livello argento. Chiaramente l’obiettivo e’ quello di avere il riconoscimento piu’ alto, non solo per il successo della sua azienda, ma anche e soprattutto perche’ il suo direttore generale, Clemson Lo, crede fermamente che il futuro del pianeta e’ nelle nostre mani e che i piu’ coscienziosi debbano essere coloro i quali per lavoro… “cementificano”. L’importante e’ farlo con intelligenza, e noi tutti ci auspichiamo che sempre piu’ aziende prendano come esempio la Langham Hospitality Group e agiscano di conseguenza.


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY