Home Ecoturismo Scutari, la Firenze dei Balcani

Scutari, la Firenze dei Balcani

SHARE
Scutari

Il nord dell’Albania presenta scorci meravigliosi e dalla natura impareggiabile. Tra le città più importanti troviamo sicuramente Scutari, vera culla della cultura albanese, ben conosciuta per essere la Firenze dei Balcani.

Shkodër, capitale morale dell’Albania

Shkodër, così chiamata in lingua locale, è situata fra le Alpi Albanesi e il mar Adriatico, nella zona nord-ovest dell’Albania, ed è da sempre considerata la capitale morale del Paese. Seconda città dopo Tirana, Scutari è circondata dal verde: si trova, infatti, sulle sponde del lago omonimo, vicino ai fiumi Drin e Buna, ed è abbracciata da diverse montagne piene di suggestioni.

Scutari, una città antica

Stiamo parlando di una delle città più antiche e storiche dell’Albania: Scutari è infatti l’antica capitale dell’Illiria, conquistata poi da romani e successivamente dagli slavi e dagli ottomani. Oggi la città si presenta come un grande polo commerciale incentrato su prodotti come il tabacco, i tessuti, gli articoli in pelle  e i materiali da costruzione, ed il suo turismo, sebbene limitato e circoscritto, comincia lentamente a crescere al pari di quello suo Paese.

Vero simbolo della città è sicuramente il Castello Rozafa, il castello più grande di tutta l’Albania, situato sulla collina alle porte di Scutari, nei pressi del fiume Drino. Costruito nel IV secolo a.C., il Castello Rozafa si raggiunge in macchina fino a poche centinaia di metri dal suo ingresso (gratuito); segue poi una ripida salita acciottolata fino alla porta principale.  Visitare questo castello, attualmente sede museale, vale l’intero viaggio. Il perimetro della roccaforte è immenso e, dall’alto, ogni sua angolazione regala una vista meravigliosa di Shkodër e dei suoi dintorni, dai fiumi alle montagne. Da qui è anche possibile scorgere da lontano la cupola della bellissima Moschea di Piombo, l’unica moschea della città a non essere stata distrutta durante la rivoluzione culturale del 1966. Edificata con un’architettura in stile ottomano, sul modello della Moschea Blu di Istanbul, la Moschea di Piombo appare oggi isolata in una macchia verde e rappresenta una rarità nel panorama albanese.

Scutari

Imperdibile il santuario della Madonna del Buon Consiglio, che si trova alle pendici del castello. Una leggenda  narra che il 25 Aprile del 1467, nel corso di un violento scontro con i Turchi, che stavano per prendere la città, l’icona raffigurante la Vergine con il bambino, patrona di tutta l’Albania, si staccò misteriosamente dalla parete per non subire profanazioni e, accompagnata dagli angeli, attraversò in volo l’Adriatico per insediarsi a Genazzano, nel nostro Lazio.

Il pittoresco centro storico

Il pittoresco centro storico della città sembra una colorata cartolina. Le sue vie, percorribili tranquillamente a piedi o in bicicletta, regalano tantissime botteghe artigiane e accoglienti caffè e locande dove sperimentare il meglio della genuina cucina locale. Nelle vicinanze del centro pedonale troviamo anche Fototeca Marubi, un piccolo museo che conserva la magnifica opera di uno dei pionieri dell’arte fotografica mondiale,  Pietro Marubi e che accoglie oltre 50.000 immagini che ritraggono l’Albania fra la fine dell’800 e l’inizio del 900. A pochi passi si trova anche il Museo Etnografico, che espone interessanti collezioni di reperti archeologici ed è situato all’interno di una delle case tradizionali più singolari della città.

ScutariScutari

 

Il lago di Scutari

Gli amanti della natura in visita a Scutari nel possono perdere il suo lago. Situato a qualche km da Shkodër, al confine fra l’Albania e il Montenegro,i il lago di Scutari è  il più grande lago di tutta la penisola balcanica. Per vedere  il lago,  e le tantissime specie di uccelli che popolano il parco naturale, bisogna raggiungere piccolo villaggio di pescatori di Shiroka.

Scutari

Hotel Bicaj, cordialità e biciclette gratis

A Scutari, per la scelta di un alloggio economico ma accogliente, consigliamo un piccolo albergo a conduzione familiare, l’Hotel Bicaj. Ubicato in una posizione abbastanza centrale, a meno di 3 km dal Castello Rozafa, l’Hotel Bicaj è circondato da piante e da silenzio. La struttura, molto pulita e ben ristrutturata, offre ricche colazioni a base di pane fresco, frutta e marmellate locali: inoltre ospita volentieri gli animali domestici. Qui non solo la connessione WiFi è gratuita ma la struttura dispone anche di un parcheggio privato e j propone, senza costi aggiuntivi, il noleggio di biciclette, mezzo di trasporto perfetto per visitare i dintorni della città. Giovanni, il proprietario, un uomo simpaticissimo che parla perfettamente italiano, è disponibile insieme al suo staff ad inoltrarvi ai racconti dei segreti della città e a direzionarvi verso le migliori escursioni naturalistiche che offre il meraviglioso hinterland di Shkodër.

Hotel Tradita, per tipiche cene in giardino

Boutique hotel situato nel cuore di Scutari, l’Hotel Tradita è un albergo molto pittoresco caratterizzato da arredi tradizionali. L’edificio non solo ospita inoltre un museo etnografico e fotografico, e negozi di souvenir con prodotti albanesi tipici, ma vanta un ristorante che propone pietanze locali in una cornice fiabesca. Durante i mesi più caldi, infatti, è possibile mangiare all’aperto, tra il verde degli alberi, i gatti che si nascondono tra i cespugli del giardino e la musica popolare live. Da provare assolutamente i formaggi e gli ottimi vini locali.

LEAVE A REPLY