Home Eco Culture Alla scoperta di Genesis Publishing, parla Annarita Calaudi

Alla scoperta di Genesis Publishing, parla Annarita Calaudi

SHARE
Genesis Publishing
Una delle copertine della casa editrice Genesis Publishing

Genesis Publishing, una casa editrice inconsueta e fuori dagli schemi. Pensata per i giovani e fatta dai giovani. Ecco l’intervista alla sua editrice Annarita Calaudi.

Genesis Publishing, un marchio giovane

Come di consueto, Annarita, chiedo sempre all’intervistato di presentare, per sommi capi, il profilo della casa editrice e di illustrare le caratteristiche generali del marchio. Come e quando nasce Genesis Publishing?

Innanzitutto, mi preme ringraziarti per l’opportunità di illustrare la mia Casa Editrice e, per entrare subito nel vivo del discorso, Genesis Publishing nasce formalmente a ottobre del 2013 e concretamente – con la primissima pubblicazione – il 25 novembre del medesimo anno. L’idea era quella di creare qualcosa per i giovani e fatto dai giovani, utilizzando il mezzo più immediato e, certamente, meno oneroso come quello della pubblicazione digitale. Il tutto è nato più come un esperimento che con la reale certezza di giungere al primo anno di vita con questi risultati. È doveroso precisare che siamo il marchio editoriale di una Società: la Genesis Joint Venture, iscritta nella Sezione Speciale della Camera di Commercio milanese come “Impresa Sociale e Cooperazione Nazionale e Internazionale”. Di conseguenza, operiamo anche in base a delle direttive di questo genere, devolvendo alla scadenza di ogni anno una percentuale dei profitti in beneficienza a un Ente scelto dal nostro CdA. Da parte nostra, resta l’impegno a dare sempre il massimo e a migliorare sempre più.

Nati da poco, eppure con un catalogo già impostato su vasta scala: dalla narrativa alla saggistica, all’arte alla poesia passando per i romanzi storici. Piccoli ma ambiziosi, voi di Genesis…

Proprio a causa di un ambiente editoriale – come quello italiano – ormai saturo di Case Editrici e Scrittori (purtroppo non eguagliati dal numero di lettori, statistiche alla mano), Genesis ha deciso di puntare il tutto per tutto. Di conseguenza, abbiamo dato ampio respiro a ogni genere letterario, privilegiando – in qualche caso – i romance, in base ai manoscritti giunti per la valutazione. Ma siamo aperti alla pubblicazione di esperimenti letterari, com’è accaduto per la raccolta di poesie Versi irrequieti di un mese piovoso, laddove nulla vi è della “canonica” lirica; oppure alla pubblicazione di generi più tipicamente oltreoceano, quali il techno-thriller distopico, lo sci-fi e così via; e ancora, non disdegniamo affatto la pubblicazione di saggi ben fatti e accuratamente approfonditi.

In sostanza, Genesis non si pone alcun limite, se non quelli del decoro e dell’onestà di intenti i quali, personalmente, considero tutt’altro che “difetti”, al giorno d’oggi. La nostra massima ambizione è quella di poter garantire un servizio, a mio parere indispensabile, come quello della lettura: comodo, conveniente e di qualità, al maggior numero di utenti possibili. Fatto ciò, potremo ritenerci davvero soddisfatti.

Genesis nasce come un progetto al femminile, giovanile e proiettato al futuro. Puoi spiegarci meglio?

Genesis nasce da un manipolo di donne con un sogno nel cassetto: quello di far rivivere la loro passione per la lettura e la scrittura in un progetto concreto. Non c’era null’altro da fare che dar vita a questa realtà, ancora piccina, ma con potenzialità che desideriamo sviluppare con passione e determinazione. Fra i tanti intenti, vi è principalmente quello di dar risalto alle troppe voci di esordienti italiani che tentano di urlare per lanciare un messaggio, ma che – puntualmente – vengono inghiottiti dal “sistema”. Genesis prova a dargli l’opportunità di esprimere ciò che desiderano, nella maniera più professionale possibile; facciamo nostro tale messaggio e mettiamo a loro disposizione uno staff capace e competente. Il futuro ci darà torto o ragione delle nostre azioni. Per il resto ci rimettiamo nelle mani dei nostri lettori e quelli nuovi che verranno.

Attualmente proponete la vendita dei vostri libri solo in formato e-book. È prevista anche la produzione cartacea di Genesis in un prossimo futuro?

La scelta del digitale è stata mirata per due motivi fondamentali. Il primo, quello più intuibile, è la diminuzione di capitale investito per avviare l’attività editoriale; tuttavia è il secondo a essere quello più importante: ossia quello della diffusione. Al giorno d’oggi è indispensabile avere un range di dialogo nella stragrande maggioranza degli Store, dei siti web, delle riviste online e la presenza del cartaceo limiterebbe di molto questo progetto di “capillare” espansione. Il progetto del cartaceo c’è nelle nostre linee programmatiche, ma non nell’imminente futuro, soprattutto per i “progetti in cantiere” di cui avrò modo di parlare. C’è tuttavia la programmazione di un’apertura verso altri Store online su cui vendere i nostri e-book.

Progetti in cantiere di Genesis?

Ce ne sono davvero molti, vista la nostra giovanissima e agguerrita “età”. Quello più prossimo è certamente la pubblicazione in lingua di alcuni dei manoscritti più gettonati da parte di Genesis. A novembre (con data da destinarsi) vi sarà l’uscita in spagnolo del prospero e-book La storia di una Cenerentola scritto dall’altrettanto giovanissima Lucia Cantoni, edito in italiano nel dicembre del 2013. In inglese, invece, è prevista la pubblicazione di un tris di e-book finanziari sull’argomento del trading per la fine dell’anno. Nei prossimi tempi, si continuerà con altre sorprese in tal senso, con l’apertura di un blog in spagnolo e, progressivamente, anche in inglese per la ricezione di manoscritti da pubblicare direttamente in lingua. Da quanto appena enunciato, si può ancora una volta evincere la necessità di un file maneggevole e facilmente diffondibile come l’e-book per tener fede alle nostre direttive editoriali. Genesis sta approntando, già da tempo, un corso di formazione come editor e correttore di bozze per tutti coloro che desiderano apprendere tale mestiere e ricevere un attestato che gli permetta di farsi strada in questo mondo – non certo milionario – ma ricco di un fervore che devi avere in petto, altrimenti non si potrà mai “riuscire” in esso. A parte tutto ciò, abbiamo in cantiere anche la preparazione di un premio culturale, un concorso fra racconti o opere letterarie intitolato a un personaggio importante della Storia Umana. Insomma, come si può capire, Genesis ha molta carne al fuoco!

LEAVE A REPLY