Home C'era una volta Chiude Carosello

Chiude Carosello

SHARE

La sera di venerdì 1° gennaio 1977, sul palcoscenico del teatrino che fa da sigla a Carosello, il più antico e popolare programma pubblicitario della televisione italiana, cala definitivamente il sipario.

La potenza della ripetitività

Si deve proprio a Carosello la comprensione della potenza della ripetitività di un concetto rimandato dalla televisione. Le parole della pubblicità entrarono, così, nel linguaggio di tutti i giorni. La confezione del messaggio era graziosa, gradevole, accattivante e, soprattutto, molto originale. Non a caso il programma viene citato ancora oggi come un’orgogliosa riaffermazione dell’identità e dell’autonomia culturale italiana di fronte ai modelli di pubblicità televisiva che arrivavano dagli Stati Uniti. L’evoluzione dei tempi portò la trasmissione a essere, nella seconda metà degli anni Sessanta, il bersaglio ideale per le critiche al consumismo.

Il pretesto della contestazione

Quello della contestazione è, in realtà, solo un pretesto, perché nell’ambiente pubblicitario sono in molti a considerare un “inutile spreco” la parte spettacolare che precede il breve messaggio pubblicitario. A partire dal 1975 i pubblicitari cominciarono a orientarsi verso i modelli statunitensi, pensando, quindi, a una comunicazione più diretta e più breve. Meno costosa? Forse. Difficilmente i rutilanti spot successivi non sempre belli, quasi sempre patinati, brevi come una parola, hanno, però il difetto di non lasciare che impressioni superficiali, da consumare rapidamente. In fondo, non sono destinati a durare, come successo per alcuni lungometraggi di Carosello, oltre la stessa vita del prodotto..

 

SHARE
Previous articleBuon Anno 2022
Next articleQuesta sera la Norma finisce qui
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY