Home Green World Cina, diminuisce consumo di pinne di squalo

Cina, diminuisce consumo di pinne di squalo

SHARE

La Cina ha deciso di importare meno pinne di squalo. Il Ministero fornisce i suoi dati ufficiali, che mostrano un calo del 70% del consumo di pinne nel continente asiatico. Ma anche i numeri, al di fuori di Hong Kong, confermano il trend: le importazioni di pinne sono diminuite del 20-30%. Il cambiamento sembra esserci, anche se l’entità, dunque, non è del tutto chiara. Uno dei motivi di questa importante flessione e’ stata senza dubbio la campagna di Greenpeace, per convincere le compagnie aeree a smettere di trasportare le pinne, ma sembra in atto anche un serio impegno anti-corruzione del governo cinese.

Ridotta importazione di pinne di squalo

Zhao Ping, il vice direttore del Dipartimento di consumo Economia Studi, presso l’Accademia cinese del Commercio Internazionale e la Cooperazione Economica, crede che i tagli agli enti parastatali abbiano da soli favorito il calo del 50% del consumo di pinne di squalo.

Il risultato di quest’ anno è di grande importanza, afferma ancora Zhao, ma bisogna cambiare alla radice il modo di pensare comune, oppure, appena queste restrizioni si allenteranno, ci vorrà pochissimo a tornare come prima. Si tratta, in ogni caso, di un ottimo risultato che dovrebbe generare ulteriore slancio al movimento di conservazione degli squali.

LEAVE A REPLY