Home C'era una volta Furry Lewis, il blues ai confini del folk

Furry Lewis, il blues ai confini del folk

SHARE

Il 14 settembre 1981 muore a Memphis, nel Tennessee, Furry Lewis, all’anagrafe Walter Lewis, uno dei bluesman più popolari degli anni Venti e Trenta.

Un repertorio vario

Nato il 6 marzo 1893 a Greenwood, nel Mississippi Furry Lewis rappresenta nel filone del blues una componente pittoresca capace di una comunicazione viva e spontanea. Il suo repertorio è molto vario spazia dal blues vero e proprio fino al folclore, sostenuto da una tecnica di accompagnamento alla chitarra singolare e molto espressiva. Nel 1899 si stabilisce a Memphis nel Tennessee dove ottiene i suoi primi successi. In seguito se ne va a Chicago per incontrare il suo amico Arthur Petties e nel 1913 è già alla testa di una piccola orchestra che si esibisce per le vie di Memphis, nelle feste e nei club più aperti verso il blues come il Pee Wee’s, il Big Grundy’s o il Cham Fields.

Una carriera lunghissima

Nel 1916 a causa di un incidente subisce l’amputazione della gamba sinistra, l’infermità non gli impedisce di continuare a esibirsi in pubblico. Suona in un medicine show e poi con Gus Cannon e Jim Jackson, dei quali diviene amico e collaboratore. Negli anni Trenta registra molto materiale per la Vocalion e la Victor scomparendo poi dalla circolazione per molti anni. Ottiene anche un posto da impiegato che gli consente di vivere dignitosamente e la musica diventa un hobby. Quando sembra ormai destinato a vivere ai margini della scena blues statunitense nel 1959 viene riscoperto e rilanciato da un produttore scaltro come Samuel Charters. Riprende così l’attività ottenendo nuovi consensi.

 

SHARE
Previous articleGeorges Guétary, il re dell’operetta francese
Next articleDriftin’ Slim, una leggenda del blues
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY