Home C'era una volta Il sogno di Davey Tough

Il sogno di Davey Tough

SHARE

Il 6 dicembre 1948 in una strada di Newark, nel New Jersey, il quarantenne batterista Dave “Davey” Tough cade rovinosamente. Nella caduta si frattura il cranio e tre giorni dopo muore senza aver ripreso conoscenza. Fino a poche settimane prima era ricoverato al New Jersey Veterans’ Hospital di Lyon e al momento dell’incidente era in cura ambulatoriale.

Uno dei migliori batteristi di tutti i tempi

Davey Tough viene poi seppellito a Oak Park, nell’Illinois, sua città natale. Anche se da tempo la sua malferma salute e l’abuso di alcool gli consentivano solo sporadiche apparizioni, al momento della morte è considerato uno dei migliori batteristi di tutti i tempi. Musicista di grande versatilità dotato di un ricco e per molti aspetti unico gioco strumentale attraversa per intero gran parte dell’evoluzione del jazz del primo Novecento: dal dixieland allo swing fino al progressive. Quando, giovanissimo, inizia a suonare ha come modello il grande batterista nero Warren “Bady” Dodds, ma ben presto inizia a evolvere il suo drumming.

Il sogno è quello di diventare uno scrittore

Ostinato sperimentatore diventa uno dei rari batteristi in grado di esibirsi in ogni stile, dal tradizionale al moderno. Da “Baby” Dodds impara la lezione di non trattare mai la batteria come uno strumento solista (rarissimi sono i suoi assoli), ma come un elemento propulsivo del gioco orchestrale in relazione ai diversi solisti. Tough non è soltanto un musicista, ma anche un raffinatissimo intellettuale che sogna di diventare uno scrittore di successo. Prima l’alcool e poi la morte gli impediscono, però di dare continuità al lavoro iniziato nel 1937 con una rubrica di breve durata sulla rivista Down Beat nella quale si fa notare per il suo stile ricco di notazioni acute e brillanti.

 

SHARE
Previous articleNel 18° anno Più libri più liberi nel percorso verso l’Europa
Next articleCorbella Experience, l’8 dicembre ultimo appuntamento
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY