Home C'era una volta La prima volta di “Casa mia (Casetta de’ Trastevere)”

La prima volta di “Casa mia (Casetta de’ Trastevere)”

SHARE

Il 24 giugno 1931 al festival poetico-musicale indetto a Roma in occasione della Festa di S. Giovanni viene presentato per la prima volta al pubblico il brano Casa mia (Casetta de’ Trastevere).

Alfredo Del Pelo

L’autore è Alfredo Del Pelo. Romano de’ Roma, a partire dagli anni Venti è tra i più popolari personaggi musicali della capitale. Si esibisce prevalentemente alla Taberna Ulpia di Roma, destinata a essere distrutta negli anni Trenta dagli sventramenti decisi dal Duce per realizzare la via dell’Impero. Tra i suoi brani di maggior successo ci sono Signorinella e la celeberrima Nannì (Una gita a li Castelli).

Uno dei canti della tradizione

Considerato, insieme a Romolo Balzani, uno esponenti più rappresentativi della scuola degli stornellatori romani degli anni Venti. Del Pelo, ha composto questa canzone l’anno prima insieme ad Alberto Simeoni e Ferrante Alvaro De Torres e ha voluto provare il suo effetto sul pubblico (oggi si direbbe “testarla”) in occasione dell’importante rassegna. Presentata fuori concorso entra ben presto nella lista dei canti della tradizione della capitale.

SHARE
Previous articleA Marina di Ravenna volontari in spiaggia per i fratini
Next articleBiodiversità, più ricca nelle città meno inquinate
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY