Home C'era una volta Lady Barbara e il pop sinfonico italiano

Lady Barbara e il pop sinfonico italiano

SHARE

Il 27 giugno 1970, sull’onda del successo ottenuto alla manifestazione “Un disco per l’estate”, arriva al primo posto della classifica dei singoli più venduti in Italia il brano Lady Barbara.

Un’operazione riuscita

L’interprete della canzone è Renato Brioschi o, come recita la copertina del disco, Renato dei Profeti, dal nome della band di cui è leader. Resterà al vertice delle classifiche di vendita per oltre quattro mesi, ispirerà un film omonimo e diventerà una delle canzoni simbolo di quello che qualcuno, con un po’ d’azzardo, chiamerà “pop sinfonico italiano”. Il brano, in realtà, è una furba operazione d’aggancio con le sonorità del pop inglese di quel periodo: una melodia romantica supportata da un sontuoso arrangiamento in stile sinfonico, ricco d’archi. Lady Barbara segna la definitiva rottura tra il cantante e la sua band, che proseguirà in proprio.

Un successo che non si ripete

Il buon Renato, non più “dei Profeti”, non riuscirà più a bissare lo straordinario successo del suo debutto come solista, anche se pian piano comincerà a farsi apprezzare come autore e produttore. Nel 1975 una sua canzone, Giochi senza età, passata quasi inosservata in Italia diventerà un grande successo in terra di Francia con il titolo La peure d’aimer nell’interpretazione di Jean Chevalier, il figlio del famoso Maurice. La vicenda si ripete qualche anno dopo quando un altro brano, Io voglio vivere viene snobbato dai discografici italiani ma diventa un successo internazionale nella versione francese di Gerard Lenorman. Come produttore è stato uno dei primi a credere in Eros Ramazzotti e, soprattutto, ha rischiato operazioni di qualità anche se non baciate dal successo, come la produzione di Gunfire, l’unico disco da solista del batterista Andy Surdi. La sua carriera di cantante contraddice il coraggio dimostrato in altri campi accettando di ripetere all’infinito Lady Barbara per un pubblico in vena di nostalgie.

SHARE
Previous articleA Bologna la Natura va in scena
Next articleChicken Henry, dal pianoforte al trombone per necessità
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY