Home C'era una volta Neal Hefti, un musicista di gusto e talento

Neal Hefti, un musicista di gusto e talento

SHARE

Il 29 ottobre 1922 nasce ad Hastings, in Nebraska il trombettista Neal Hefti, jazzista molto apprezzato e compositore di molte colonne sonore.

Talento precoce

Neal Hefti inizia lo studio della tromba all’età di 11 anni. È ancora studente quando scrive i primi arrangiamenti per la band di Nat Towles. Nel 1941 lavora con Bob Astor; tra il 1941 e il 1943 collabora con Les Lieber (con cui va a Cuba in tournée), Charlie Barnet, Bobby Byrne, Earl Hines, Charlie Spivak (con cui si trasferisce in California, a Los Angeles, nel 1943). Nel febbraio del 1944 – dopo avere brevemente lavorato con Horace Heidt – si aggrega all’orchestra di Woody Herman, con la quale partecipa alla registrazione della colonna sonora del film “Sfolgorio di stelle”. Nell’agosto dello stesso anno, dopo avere trascorso sei mesi in California come free-lance, ritorna a lavorare con Herman, collaborando con lui fino a tutto il 1945. Contribuisce ampiamente al successo dell’orchestra, componendo lavori quali The Good Earth e Wild Root. Nell’ottobre del 1945 sposa la vocalist dell’orchestra, Frances Wayne. Nel 1946 suona con la big band di Charlie Ventura, che abbandona per entrare in quella di Harry James, con cui collabora dal 1948 al 1949. Nel 1950 inizia a collaborare attivamente con Count Basie, per il quale scrive e arrangia numerose composizioni, contribuendo in misura notevolissima all’alta qualità della orchestra; al contempo si esibisce alla guida di propri gruppi.

Colonne sonore di successo

A poco a poco abbandona la scena jazzistica per darsi prevalentemente al lavoro negli studi di registrazione, componendo ed eseguendo colonne sonore per film e spettacoli radiotelevisivi. Compone così le musiche per “Donne, v’insegno come si seduce un uomo”, “Come uccidere vostra moglie” e tanti altri, compresa la serie televisiva di Batman del 1966. Sue sono anche le colonne sonore di “A piedi nudi nel parco” e “La strana coppia”. Collabora inoltre con artisti quali Frank Sinatra e Fred Astaire. Autore di composizioni come quelle già menzionate e come Girl Talk, Fred, Lil Darlin’, The Kid from Red Bank, Duet, Cute, Shanghaied, ecc., Hefti, sebbene poco conosciuto dal grande pubblico, è una delle figure più rappresentative della composizione jazzistica. Musicista di straordinario gusto e talento, ha arricchito il repertorio compositivo jazzistico di vere e proprie pregevolissime gemme. Muore l’11 ottobre 2008.

 

 

SHARE
Previous articleGreenpeace: accordo Ue-Mercosur distrugge l’Amazzonia
Next articleTeo Macero, il sassofonista che divenne produttore
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY