Home Ecoturismo Permutazioni lineari in mostra a Roma

Permutazioni lineari in mostra a Roma

SHARE
Permutazioni lineari

In concomitanza con la sessione invernale dell’evento di moda di Altaroma, la M.o.C.A. annuncia Permutazioni Lineari, una mostra con i nuovi lavori dell’artista Monica Pennazzi, a cura di Camilla Boemio, fino all’8 Febbraio in Piazza degli Zingari, 1 00184 Roma.

 

La mostra agisce come un concetto matematico nel quale la selezione dei sottoinsiemi viene chiamata permutazione quando l’ordine di selezione è un fattore.Ognuna delle diverse selezioni possibili è chiamata permutazione.Quale selezione estetica avremo?Come le opere si articoleranno nello spazio espositivo?Il filo con il quale la Pennazzi realizza le sculture,ma anche i nuovi lavori a parete partono da una linea incisiva,una composizione in bilico tra la gravità fisica e quella psicologica,ricalibrando la percezione ed adattandosi allo spazio. I recenti oggetti a parete si sono concentrati non solo sulle proprietà scultoree del filo, ma sui modi in cui risponde ai cambiamenti ambientali di luminosità e di colore.Le fotografie ritraggono i dettagli e le ramificazioni del filo. Queste immagini, che ricordano la fotografia surrealista, ribaltano le convenzioni della rappresentazione in quanto ingannano lo spettatore quasi simulando l’analogico e dando una maggiore portata concettuale al media.Negli ultimi anni la Pennazzi ha radicato una ricerca duttile nella quale si è confrontata attivamente con l’ambiente; nel contesto formale,storico e sociale realizzando installazioni site-specific dalle intense connotazioni da: Maes d’Agua da Do.C a Sao Salvador du Mundo in Portogallo a Memoria Liquida per BocsArt a Cosenza.

Monica Pennazzi nasce ad Ancona nel 1972 e ha vissuto e lavorato a lungo a Rio de Janiero.Nel 2009 partecipa al concorso ”Massenzio arte” XIII premio internazionale Massenzio Arte che la scelse per una esposizione personale a cura di Alessandro D’Ercole, scultore, critico e direttore artistico della Massenzio Arte. Nel 2015 realizza a Roma la sua terza personale dal titolo Cunauta presso la storica fornace del Canova in collaborazione con le associazioni Massenzio arte e Canova 22, a cura di Camilla Boemio e pubblica il catalogo con Gangemi editore. Partecipa a TRIO biennale tridimensionale di Rio de Janeiro nel settembre del 2015, alla quale segue la personale Horizontes, a Rio de Janeiro nella galleria VGgard presso il Cassino Atlantico, a Copacabana, Rio de Janeiro a cura di Nuno Ribeiro. Nel 2016 espone alla Pinacoteca di Ancona. Nel 2019, è stata invitata alla Biennale della Scultura, di Piazzola sul Brenta.

Raid è un progetto di ricerca, curato da AAC Platform e Camilla Boemio, il cui sviluppo rimanda ad una costellazione capace di attivare connotazioni sulle arti tessili e le pratiche partecipative; annettendo una serie di progetti paralleli che si svilupperanno in gallerie d’arte contemporanea e collaborazioni con artisti d’arte visiva. Una nuova estetica evidenzia una ricerca fervida dell’utilizzo del tessile aprendo la discussione ad una rinnovata analisi del linguaggio nelle sue forme più ibride ed attente al tessuto sociale. La mostra è commissionata dal CENTRO ACCESSORI SPA ed è stata possibile anche grazie agli sponsors tecnici: ESTRO Allestimenti Stand e le cantine vinicole Podere Sabbioni e Orsogna Winery / Lunaria Orsogna.

 

SHARE
Previous articleAltaroma 2020 all’insegna della consapevolezza ambientale
Next articleI Pink Floyd dietro al muro
Antonella Danese
Sono una giovane farmacista, appassionata di erbe, piante e rimedi naturali. Sono convinta che la salute passi per una giusta informazione e non tutti sono a conoscenza delle proprietà e delle mille potenzialità che offre la Natura. Per Daily Green sono lieta di curare la rubrica Eco Da Te con una serie di consigli utili (ed anche ricette tutte da provare) per il vostro benessere.

LEAVE A REPLY