Home Green World Thailandia, elefanti a rischio, la foresta in pericolo

Thailandia, elefanti a rischio, la foresta in pericolo

SHARE
elefanti a rischio

Come per i lemuri delle foreste pluviali, secondo un nuovo studio pubblicato negli Atti della Royal Society B , anche gli elefanti sono di vitale importanza per mantenere la biodiversità delle foreste tropicali in Thailandia. E proprio questi ultimi, ora, sono a rischio.

Gli elefanti, in Thailandia, sono da sempre cacciati per l’avorio dei denti e delle zanne, ma un nuovo studio mostra che la caccia eccessiva è stata disastrosa per i loro habitat e la stessa sopravvivenza delle foreste tropicali.

Gli elefanti  – spiega lo studio – disperdono milioni di semi in tutto il bosco. La  loro perdita aumenta la probabilità di estinzione di alberi più di dieci volte nel corso di un periodo di 100 anni. Un processo, prevedono i ricercatori, che, probabilmente, influirà decisamente sulla sopravvivenza stessa della foresta.

La perdita di elefanti mette a rischio la foresta

“L’intero ecosistema è a rischio”, dice Trevor Caughlin  dell’Università della Florida. “La mia speranza è che questo studio fornisca nuovi incentivi ed energie per coloro che cercano di frenare la caccia eccessiva agli elefanti e dia l’allarme definitivo per fermare il commercio di fauna selvatica.”

L’elefante è stato a lungo considerato un importante simbolo spirituale, culturale e nazionale della Thailandia. All’inizio del 20 ° secolo, la loro presenza superava le 100.000 unità. Oggi, non sopravvivono più di 2.000 esemplari.

Gli alberi crescono da semi trasportati dagli elefanti

Caughlin ha trascorso ben tre anni nella raccolta di dati sugli alberi in Thailandia, osservando e annotandone la crescita e la sopravvivenza diversificando quelli che spuntavano dalla pianta madre o cresciuti negli immediati dintorni, e li ha confrontati con i semi trasportati e sparsi ovunque attraverso la foresta da parte degli animali.

I dati sono stati integrati con una serie di studi del Reparto di Foresta Reale Thai che conteneva più di 15 anni di dati sugli alberi per creare un percorso di simulazione a lungo termine su un computer.

Gli alberi che crescono da semi trasportati dagli animali che vengono “espulsi” in ordine ampio e sparso per la foresta sono più resistenti e più sani.

Uno studio conferma che la perdita di elefanti danneggial’ecosistema della foresta

“Il nostro studio è il primo a quantificare gli effetti di decenni di dispersione dei semi da parte degli animali attraverso l’intero ciclo di vita dell’albero, dai semi, a piantine ad alberi adulti”, dice uno degli autori dello studio, Jeremy Lichstein, assistente professore di biologia.

Richard Corlett, direttore del Center for Integrative Conservation al Xishuangbanna Tropical Botanical Gardens in Yunnan, Cina, ha sottolineato l’importanza dello studio.

“Questo studio colma una grave lacuna nella comprensione di come anche la caccia eccessiva influenzi la vita gli alberi della foresta, in particolare nelle foreste tropicali. Sapevamo, ovviamente, che la caccia è un male, ma non credevamo lo fosse fino a questo punto, e quindi non potevamo prevedere gli impatti a lungo termine”.

“Ora sappiamo  – conclude Corlett – che cacciare non fa male solo agli animali, ma è molto peggio. Il messaggio che vorremmo lanciare è che occorre difendere gli elefanti per salvare la foresta”.

Fonte:University of Florida

 

 

LEAVE A REPLY