Home Ecoturismo Wharekauhau, la Nuova Zelanda degli Dei

Wharekauhau, la Nuova Zelanda degli Dei

SHARE
Wharekauhau

Nuova Zelanda, Isola del Nord, Palliser Bay. Siamo nel cuore di una fattoria fuori dal tempo, in una delle più importanti regioni vinicole del verdissimo Paese dell’Oceania, uno Stato dallo spiccato animo ‘eco’ che, forte del suoi quattordici parchi nazionali e ben cinque arcipelaghi patrimonio dell’Unesco, vanta di essere riserva naturale protetta per oltre il trenta per cento della sua superficie.

Nuova Zelanda, Land of Long White Cloud

La “Terra dalla lunga nuvola bianca”, ecco come erano soliti chiamarla gli antichi popoli māori: un Paese grande più o meno come il nostro Stivale ma la cui popolazione si aggira a malapena, oggigiorno, intorno ai quattro milioni di abitanti. La Nuova Zelanda della pace mai perduta, una terra lontana da ogni frenesia, dove la natura, che domina incontrastata tra distese di verde e milioni di pecore che brucano ad ogni orizzonte, sembra rimasta intatta ad ogni passo.

Il Wharekauhau Country Estate

Una fattoria, di oltre 2000 ettari, affacciata su chilometriche spiagge di sabbia vulcanica nera, dove pascoli sempre verdi e fitte foreste abitate da daini, cinghiali e capre di montagna la fanno da padrone. E’ il Wharekauhau Country Estate, un eco-luxury lodge che in lingua locale significa, non a caso, il ‘luogo degli Dei’. Una meta imperdibile, fosse solo da sognare, per tutti i lettori di Daily Green. In questo lembo di terra paradisiaca, infatti, il lusso più sfrenato (e gli alti costi di pernottamento lo confermano) s’incontra, contro ogni aspettativa e quasi magicamente, con la più tradizionale vita autoctona rurale. Vero e proprio allevamento di pecore, dove gli ospiti possono perfino cimentarsi ad aiutare i gestori nella tosatura di questi timidi animali lanosi, il Wharekauhau Country Estate è il luogo ideale dove rigenerarsi nel pieno della natura più selvaggia e singolare. Surf, passeggiate a cavallo nel bellissimo paesaggio costiero di Palliser Bay, visite ai vigneti locali e a siti māori; e ancora golf, trekking ed imperdibili sentieri da battere in bicicletta o semplicemente praticando jogging: un oasi di quiete dove staccare la spina e, tra avventura, letture, meditazione e sport, regalarsi anche il finale piacere di assaporare i piatti della ricercata cucina locale (da deliziare rigorosamente in compagnia dei pregiati vini Martinborough).

 

LEAVE A REPLY