Home C'era una volta Gegé Munari, un batterista jazz targato Napoli

Gegé Munari, un batterista jazz targato Napoli

SHARE

Il 4 luglio 1934 nasce a Fratta Maggiore, in provincia di Napoli, il batterista Gegé Munari, all’anagrafe Eugenio Commonara, uno dei jazzisti più illustri della scuola napoletana.

Una famiglia di musicisti

Gegé è il secondo batterista di una famiglia di musicisti. Il primo è Pierino, mentre il padre suona il contrabbasso e il fratello Armando si alterna tra clarinetto, sassofono e violino. Quando, 1944 arrivano gli alleati nella sua terra lui ha dieci anni ma è già inserito nella band famigliare nel ruolo di ballerino intrattenitore. La sua specialità è la “claquette”, una sorta di tip tap veloce. All’inizio degli anni cinquanta diventa batterista. Per un po’ sostituisce suo fratello Pierino poi si unisce a vari gruppi da ballo di Napoli, ma la sua passione non è la musica leggera. All’inizio degli anni Sessanta se ne va a Roma per dedicarsi quasi esclusivamente al jazz.

Un fulgida carriera

Nell’inverno del 1964 suona al “Purgatorio” di Roma con una band di talenti che comprende, oltre a lui, Gato Barbieri, Enrico Rava, Franco D’Andrea e Gianni Foccià. La sua collaborazione con Barbieri continua l’anno successivo con la pubblicazione della colonna sonora del film “Una bella grinta”, scritta da Piero Umiliani. Partecipa anche al festival di Bologna con Annie Ross e nella stagione invernale con Foccià e il pianista sudamericano Delgado Aparicio fa parte della struttura ritmica fissa che accompagna i grandi jazzisti ospiti del “Clubino” di Roma, come Sal Nistico, Dusko Gojkovic, Milt Jackson e altri del. Nel 1967 è tra i protagonisti dell’esperienza della Swingin’ Dance Band di Marcello Rosa. La sua batteria accompagna anche i tour di Martial Solal e Lee Konitz. Quest’ultimo lo vuole con sé anche nella realizzazione dell’album “Stereokonitz”. Molto apprezzato nell’ambiente jazz accompagnerà alcuni tra i maggiori protagonisti della scena musicale internazionale, da Mary Lou Williams a Jon Hendriks, a Dizzy Reece, a Johnny Griffin, a Dexter Gordon, a Chet Baker, ad Art Farmer e molti altri. Muore a Roma il 6 maggio 2017

 

SHARE
Previous articleTirreno, Greenpeace: tonnellate di plastica in mare
Next articleFumogeni sui Led Zeppelin
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY