Home C'era una volta Gianni Siviero, poco disposto alla mediazione

Gianni Siviero, poco disposto alla mediazione

SHARE

Il 26 settembre 1938 nasce a Torino il cantautore Gianni Siviero, uno dei più originali protagonisti della stagione della canzone politica

Esibizioni a prezzo politico

All’inizio degli anni Sessanta Gianni Siviero si esibisce in pubblico cantando le sue canzoni dai testi fortemente politicizzati. Non è l’unico cantautore politico di quel periodo, ma certamente è uno dei più singolari. Insofferente, poco disposto alla mediazione, percorre l’intero decennio senza trovare nessuno disposto a pubblicare su disco le sue canzoni. L’assenza di produzione discografica non ne pregiudica la popolarità in anni in cui le feste politiche fioriscono come i “cento fiori” di tsedonghiana memoria. Di lui approfittano a piene mani tutti gli organizzatori di manifestazioni musicali “alternative”. Non c’è festa, festival o raduno di lotta improvvisato cui non venga invitato a esibirsi “a prezzo politico”. Lui accetta per una scelta di militanza e perché deve anche sopravvivere.

Ora che ci sono i soldi non interessi più

Quando le logiche organizzative migliorano e i criteri si fanno più razionali, cioè quando finalmente si possono pagare un po’ di più gli artisti, lui viene scartato. È una trappola implacabile che, per la verità, non colpisce solo Siviero ma moltissimi artisti militanti: se ci sono soldi si pagano gli altri, non i compagni. Lui abbozza e tira avanti. Diventa uno dei primi soci del Club Tenco e nel 1970 pubblica un singolo che anticipa di due anni il suo primo, vero, album Gianni Siviero volume primo, insignito del Premio dalla critica discografica. Le sue storie di vita aspre e dure sono arrivate finalmente su disco. Nel 1974 anche il suo secondo lavoro Son sempre io la donna riceverà il Premio della critica discografica. Altri due album segneranno negli anni Settanta la sua presenza, tutt’altro che marginale, nella canzone politica italiana. All’alba del decennio seguente la situazione tornerà al punto di partenza: basta dischi perché la canzone politica non interessa più. Nonostante tutto Siviero non abbandonerà mai la musica.

SHARE
Previous articleSam Rivers, l’impegno creativo e la tenacia
Next articleBob Dylan si esibisce per il papa
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY