Home C'era una volta Andrew Gold, figlio della musica da film

Andrew Gold, figlio della musica da film

SHARE

Il 2 agosto 1951 nasce a Burbank, in California, il cantante e autore Andrew Gold, definito scherzosamente “figlio della musica da film”. Suo padre, infatti, è il compositore Ernest Gold, autore di colonne sonore di film famosi, primo fra tutti “Exodus”.

Il condizionamento famigliare

La vicinanza con la musica che fa da sfondo alle vicende cinematografiche non si ferma qui. Anche sua madre, la cantante Marni Nixon, ha una lunga serie di trascorsi vocali con le tracce da film. Sua è la voce prestata a Natalie Wood in “West Side Story” e sempre lei canta le canzoni che finge d’interpretare Audrey Hepburn in “My fair lady”. Con queste premesse è inevitabile che il piccolo Andrew finisca per considerare la musica come un elemento essenziale della sua vita e gli strumenti musicali il complemento ideale dei suoi giochi. Ancora adolescente è già considerato nell’ambiente un polistrumentista di valore. Appena riesce a liberarsi dal condizionamento famigliare forma la sua prima band, i Bryndle, insieme a un altro talento precoce come la cantante Karla Bonoff. L’esperienza non dura molto.

La carriera in proprio

Negli anni successivi, dopo aver suonato il basso con Maria Muldaur, inizia una lunga collaborazione con Linda Ronstadt che gli dà modo di liberarsi dell’immagine di “figlio d’arte” e di conquistarsi la fama di musicista capace di garantire buoni risultati sia a livello esecutivo che creativo. Nel 1975 riesce anche a convincere i discografici a dargli più spazio e consentirgli finalmente di pubblicare il suo primo album da solista. Il disco, intitolato semplicemente Andrew Gold“, non è un fulmine di guerra, ma non va nemmeno tanto male, per cui continuerà a pubblicare senza troppi assilli un album all’anno. Nel 1980 ottiene un inaspettato successo commerciale con il singolo “Lonely boy”. Negli anni successivi lavorerà con vari artisti tra cui Carly Simon e Art Garfunkel e nel 1986 formerà insieme all’ex 10CC Graham Gouldman il duo dei Wax. Visti i risultati non esaltanti tornerà a lavorare da solo. Muore a Los Angeles il 3 giugno 2011.

 

SHARE
Previous articleAlvin Burroughs, dai barattoli alla batteria
Next articleLuciano Tajoli, un mito ucciso dalla televisione
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY