Home Ricette Antipasti Ballotte piemontesi

Ballotte piemontesi

SHARE
Ballotte piemontesi

Quella che vi proponiamo oggi è una ricettina facile e veloce a base di uova: ballotte piemontesi. Per questo vorremmo farvi una raccomandazione. Quando acquistate le uova (anche al supermercato) preferite sempre quelle “allevate a terra” (la scritta è sempre riportata sulla confezione). Contribuiremo così a smantellare le filiere di allevamento in batteria e renderemo la vita dei polli un po’ più vivibile. 

Ballotte piemontesi, ingredienti per 4 persone

  • 150 gr di formaggio Beddo
  • 200 gr di ricotta di pecora
  • 100 gr di robiola
  • 2 uova
  • Scorza grattugiata di 1/2 limone biologico
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 mazzetto di basilico
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 1/2 cucchiaio di capperi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • Sale e pepe

COME SI FA

  1. Fate rassodare le uova in un pentolino di acqua bollente (sono sufficienti 8\10 minuti)
  2. Fatele poi raffreddare , sgusciatele e schiacciate accuratamente con una forchetta.
  3. Lavate il prezzemolo e il basilico, asciugateli e tritateli finemente insieme ai capperi.
  4. Prendete il beddo e tagliuzzatelo finemente.
  5. Lavorate la robiola e la ricotta in una terrina con un cucchiaio di legno, aggiungete il prezzemolo, il basilico, i capperi e il beddo, poi il succo e la scorza del limone*

Scegliete sempre limoni biologici per quelle le ricette in cui è prevista l’aggiunta della scorza: la buccia del limone trattiene tutti i pesticidi usati nell’agricoltura tradizionale e può quindi essere dannoso per la salute!

  1. A questo punto potete aggiungere i tuorli, un filo d’olio d’oliva extravergine, sale e pepe.
  2. Mescolate con cura.
  3. Lasciate raffreddare il composto nel frigo per almeno 1 ora.
  4. Con l’impasto preparato, fate delle polpettine delle dimensioni di una nocciola, disponetele su un piatto da portata, servite e buon appetito!

Consiglio: se non trovate il beddo, potete sostituirlo con qualsiasi formaggio fresco molle a lieve stagionatura, anche se …saporito.

Il vino perfetto: Dolcetto di Diano d’Alba (rosso\Piemonte)

a cura di Tiziana Cappetti

 

LEAVE A REPLY