Home Eco Culture Castagne Matte al MAMbo di Bologna

Castagne Matte al MAMbo di Bologna

SHARE
Castagne Matte
Gilbert & George Sleeping, 1991 Stampa fotografica colorata a mano su masonite, cm 253 (a) x 426 (la) Collezione permanente MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna Courtesy Anthony D'Offay Gallery, Londra, 1998

E’ stato presentato alla stampa al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna il focus espositivo Castagne matte, visibile nella Project Room del museo fino all’8 dicembre 2020.
Nell’ambito del nuovo ciclo denominato RE-COLLECTING, ideato da Lorenzo Balbi, che indaga aspetti particolari, opere e temi delle collezioni MAMbo e Museo Morandi, Castagne matte riflette sulla ritualità come dimensione sociale, religiosa e artistica.
In un’epoca caratterizzata da crisi ecologiche, sanitarie e politiche, mentre lo sviluppo tecnologico permette l’affinamento di AI (Artificial Intelligences) capaci di analizzare grandi quantità di dati e ampliare le capacità di problem solving umano, torna centrale una sensibilità basata su credenze, ritualità intime e collettive che trovano i propri principi in un mondo “magico”, capace di generare una nuova coscienza del sé e dell’ambiente vissuto.

Dagli oggetti scaramantici e alla creazione di feticci, dall’istituzione sociale di idoli religiosi ai riti collettivi che oggi amplificano le rivendicazioni politiche, la mostra offrirà una riflessione sulla natura della ritualità nel contemporaneo.
Grazie alla collaborazione con il Museo Civico Archeologico di Bologna, Castagne matte è arricchita da una sezione di oggetti che raccontano le pratiche scaramantiche di epoca romana. Parallelamente a una selezione di opere dalla collezione del museo che includono gli artisti Carlo CorsiPaolo ChiaseraGilbert & GeorgePiero Manai Eva Marisaldi, la mostra propone un approfondimento sulla rassegna Metafisica del quotidiano, ospitata alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna nel 1978, a cura di Franco Solmi. La rassegna rifletteva sull’ambiguità rituale dell’opera d’arte: criterio estetico che permette alla creazione artistica di sfuggire a letture unitarie, per abitare zone di attrito e di contraddizione. Sono esposte infine alcune castagne matte appartenute a Giorgio Morandi.

LEAVE A REPLY