Home C'era una volta Emilio Pericoli, una voce da swing

Emilio Pericoli, una voce da swing

SHARE

Il 7 gennaio 1928 nasce a Cesenatico Emilio Pericoli. Dotato di una voce pastosa e ricca di swing inizia a cantare sul serio nel 1947 in varie sale da ballo milanesi con l’orchestra di Enzo Ceragioli.

Una voce calda e confidenziale

Nel 1954 debutta alla radio conquistando il pubblico con la sua voce calda e confidenziale. Negli anni successivi interpreta un paio di film musicali e partecipa alla commedia musicale “Valentina”, messa in scena dalla compagnia di Isa Barzizza e Enrico Viarisio. Nel 1962 pubblica l’album Amori dei nostri anni ruggenti che contiene varie rielaborazioni dei più famosi brani degli anni Venti e Trenta e scala le classifiche statunitensi con la sua versione del brano Al di là, inserita nella colonna sonora del film “Gli amanti devono imparare” di Delmer Daves, interpretato da Troy Donahue, Angie Dickinson e Rossano Brazzi.

La popolarità arriva con i festival

Nel 1962 partecipa al Festival di Sanremo con Quando quando quando, in coppia con Tony Renis, e vince il Festival di Piedigrotta con Mandulinata blu in coppia con Mario Trevi. L’anno dopo, ancora in coppia con Tony Renis, vince il Festival di Sanremo con Uno per tutte e porta in finale anche Sull’acqua, l’altro brano affidato a lui e a Sergio Bruni. Nel 1964 partecipa ancora alla rassegna sanremese interpretando Piccolo, piccolo con Peter Krauss. Nonostante il cambiamenti nei gusti del pubblico continuerà a cantare anche negli anni successivi, circondato dal rispetto e dell’affetto di numerosi estimatori. Muore a Savignano sul Rubicone il 9 aprile 2013.

 

SHARE
Previous articleAdriano Celentano, il ragazzo della Via Gluck
Next articleWendell Culley, trombettista da grande orchestra
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY