Home C'era una volta Eve contro la violenza sulle donne

Eve contro la violenza sulle donne

SHARE

Il 30 marzo 2002 le agenzie di stampa titolano: “Basta con la violenza sulle donne”. Non è uno slogan, ma un grido di battaglia, visto che a lanciarlo è la rapper Eve, una delle più cattive e famose bad girl d’inizio millennio.

Eve Of Deconstruction

Forte della fama che l’accompagna e della grinta che la caratterizza la ventitreenne, che un tempo si faceva chiamare Eve Of Deconstruction, ha affrontato il problema pubblicando un brano, Love is blind (L’amore è cieco) che parla di violenza domestica sulle donne e ha fatto comunella con le associazioni che forniscono assistenza legale e materiale alle donne maltrattate. Il suo impegno su questo fronte non nasce all’improvviso. In molti suoi brani si ritrova quel concetto complesso che negli ambienti femministi veniva definito con il termine di “sorellanza”, sia pur filtrato con la sensibilità di una ragazza nata a Philadelphia nel 1979 e abituata a confrontarsi con gli uomini nella dura palestra delle strade dei ghetti.

Il linguaggio gangsta al femminile

Il suo Gangsta bitches realizzato a tre voci con altre due ragazze cattive come Da Brat e Trina ha spiegato con le parole e la durezza del linguaggio gangsta, le differenze di genere ai machos del sottobosco rap. Ora che una star del firmamento hip hop non si è, però, fermata lì. Proprio il 30 marzo ha chiamato a raccolta due cantanti sue amiche come Faith Evans e Amel Larrieux, un pugno di attrici (Salma Hayek, Rosario Dawson, Rosie Perez e Lynn Whitfield) e ha programmato un’uscita clamorosa in occasione del “V-day Harlem 2002”, la festa d’inaugurazione del leggendario Apollo Theater di Harlem, chiuso da tempo per lavori di restauro.

 

 

SHARE
Previous articleNasce Vezua, il portale degli acquisti green
Next articleCarrefour: ethical fashion con Tex Responsabile
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY