Home C'era una volta Falsari per amore dei Talking Heads

Falsari per amore dei Talking Heads

SHARE

Il 15 marzo 1979 i Talking Heads si esibiscono in un affollato concerto all’Agora di Cleveland. La band, dopo l’ultimo album More songs about building and food sta vivendo un periodo ricco di stimoli ed entusiasmante.

Un momento straordinario con apporti importanti

Un lunghissimo tour che tocca le principali piazze europee e statunitense permette al gruppo guidato da David Byrne di verificare i risultati di un rinnovamento che lo sta progressivamente portando oltre gli schemi della new wave. Determinante, in questo senso, è il lavoro svolto da Brian Eno, l’ex tastierista dei Roxy Music che proprio Byrne ha voluto al suo fianco nella produzione dell’album, ma anche l’apporto creativo della bassista Tina Weymouth si fa sentire. Il suono dei Talking Heads si è fatto più corposo, gli apporti della chitarra di Jerry Harrison sono diventati meno casuali e nell’insieme la band appare come una delle più potenti “macchine da concerto” di quel periodo. Per questa ragione la loro etichetta, la Warner Bros, decide di registrare l’intero concerto del 15 marzo. L’intenzione è quella di farne un disco promozionale con il quale omaggiare una ristretta cerchia di giornalisti, critici e operatori del music business. Vede così velocemente la luce un album live intitolato Talking Heads live on tour, fuori catalogo e prodotto in seicento copie numerate. Contiene dieci brani ma, soprattutto, riesce a rendere efficacemente la magia della band in concerto. Tra i giornalisti che l’hanno ricevuto in regalo c’è chi non sa trattenere il suo entusiasmo e scrive «È straordinaria l’energia che arriva fin dall’ascolto delle prime note. Peccato che essa sia negata agli acquirenti dei dischi della band. L’album regala momenti straordinari, liberando quell’energia che in studio viene inevitabilmente compressa»

Il numero limitato diventa… illimitato

Come molti dischi promozionali sembra destinato a finire nel carissimo mercato parallelo destinato agli amatori. Poco tempo dopo, invece, un numero crescente di rivenditori di dischi in varie parti del mondo espongono l’album tra le “rarità” in vetrina. Fatti i conti anche la Warner Bros capisce che le seicento copie originali sono diventate prima migliaia, poi centinaia di migliaia. Una gigantesca opera di riproduzione abusiva ha garantito ai fans il diritto di accedere a un disco che la Warner aveva deciso di rendere “esclusivo”. A nulla valgono le denunce, ormai le copie sono ovunque. Un gruppo di questi falsari si farà vivo con una lettera a vari magazine musicali sostenendo di aver agito «Per amore dei Talking Heads».

 

SHARE
Previous articleRosa King, la sassofonista americana innamorata dell’Olanda
Next articleUna zanzara eversiva
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY