Home C'era una volta Fontella Bass, dalle classifiche alla ricerca vocale

Fontella Bass, dalle classifiche alla ricerca vocale

SHARE

Il 3 luglio 1940 nasce a St. Louis, nel Missouri, la cantante Fontella Bass, figlia della cantante gospel Martha Bass una delle componenti del gruppo The Famous Ward Singers.

Il primo grande successo

Decisa a non lasciarsi ingabbiare nelle dinamiche di un gruppo dopo aver duettato per qualche tempo con Bobby McClure esordisce come solista nei primi anni Sessanta con alcuni singoli pubblicati dalla Chess Records, oltre all’album The New Look. Nel 1965 ottiene il su più grande successo con il brano Rescue Me che arriva i vertici delle classifiche di vendita sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna.

La svolta e la ricerca

Divenuta moglie del trombettista Lester Bowie, membro dello Art Ensemble of Chicago inizia una ricerca nel campo della vocalità africana-americana che la porta, nel 1969, a incidere con lo stesso Art Ensemble e alla creazione di uno spettacolo vocale, From the Roots to the Source, nel quale è affiancata dallo stesso Lester Bowie, dalla madre, dalla pianista Amina Myers, dal sassofonista Arthur Blythe, dal contrabbassista Malachi Favors e dal batterista Don Moye, in qualche caso  rimpiazzato da Phillip Wilson. Negli anni Ottanta e Novanta alterna lunghi periodi di silenzio a improvvisi ritorni. Muore a St. Louis il 26 dicembre 2012.

 

SHARE
Previous articleOrto in condotta, Slowfood premiata per riduzione rifiuti
Next articleTirreno, Greenpeace: tonnellate di plastica in mare
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY