Home C'era una volta Freddie Webster, il trombettista che influenzò Miles Davis

Freddie Webster, il trombettista che influenzò Miles Davis

SHARE

Il 1° aprile 1947 muore a Chicago, nell’Illinois, il trombettista Freddie Webster. Nato a Cleveland, in Ohio, nel 1916 frequenta la Central High School della sua città natale.

L’esperienza con Benny Carter e altri

È ancora adolescente quando dà vita a un gruppo nella cui formazione figura anche il pianista Tadd Dameron. Suona poi con il sassofonista Marion Sears e nel 1938 lavora con le band di Earl Hines ed Erskine Tate. Trasferitosi a New York nel 1940 suona con Benny Carter e con Ed Durham. Prima di tornare con Earl Hines, all’inizio del 1941 si unisce per qualche tempo a Louis Jordan. Dall’autunno del 1941 alla primavera del 1942 è con Lucky Millinder, poi con Jimmie Lunceford fino all’estate del 1943. In seguito torna con Benny Carter (e nella primavera del 1944 suona con Sabby Lewis a New York poi di nuovo con Millinder.

Una grande influenza nell’evoluzione del jazz

A Millinder seguirono brevi permanenze nelle orchestre di Cab Calloway e George Johnson prima di far parte, nella seconda metà del 1945, nel sestetto di John Kirby. Nel 1946 suona nella big band di Dizzy Gillespie e all’inizio del 1947 nella troupe del Jazz at the Philharmonic. All’apice del successo muore per un collasso cardiaco nella stanza di un motel pochi giorni prima di iniziare a suonare a Chicago con Sonny Stitt. Professionista ammiratissimo dai colleghi, ha avuto una grande influenza su Miles Davis e, più in generale nell’evoluzione del jazz moderno.

 

SHARE
Previous articleCoronavirus, attivata task force volontari animalisti
Next articleRistrutturare la casa ne aumenta il valore
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY