Home C'era una volta Henry Adler, creatore di talenti

Henry Adler, creatore di talenti

SHARE
Los Angeles, California, USA --- Jazz musicians performing in nightclub --- Image by © Hill Street Studios/Blend Images/Corbis

Il 28 giugno 1915 nasce a New York il batterista Henry Adler.

Gli inizi in varie orchestre

La sua importanza come musicista nella storia del jazz è relativa anche se è ancora oggi considerato un musicista di buon mestiere, semplice ed efficace. Dopo il debutto professionale avvenuto con il trombettista e cantante di New Orleans Wingy Manone, suona nei gruppi di alcuni dei protagonisti dell’epoca, come Red Norvo, Charlie Barnet, Georgie Auld e altri. Per sbarcare il lunario non disdegna di prestare la sua opera in gruppi e orchestre da ballo degli anni Trenta e Quaranta.

Fondamentale nell’insegnamento

Più interessante e fondamentale è il suo ruolo come insegnante. Sotto la sua guida crescono molti giovani percussionisti destinati poi a diventare famosi ed apprezzati, come Sonny Payne, Louis Bellson e Buddy Rich. A lui si deve anche un famoso metodo per lo studio della batteria scritto a quattro mani con Buddy Rich. Muore il 30 settembre 2008.

 

SHARE
Previous articleRistorante Rever, quando il sogno diventa realtà (gastronomica)
Next articleSughero sostenibile, in Sardegna si radica la filiera
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY