Home Eco Culture “Immagini del sogno” di Alessandro Sicioldr

“Immagini del sogno” di Alessandro Sicioldr

SHARE
RvB Arts_Sicioldr_Processione_200 x 240 cm_olio su lino_2019-2020

Il giorno 4 luglio 2021 il MUSAS – Museo Storico Archeologico di Santarcangelo – presenta l’antologica “Dipinti” di Alessandro Sicioldr. La mostra vanta il sostegno di Comune di Santarcangelo di Romagna, Regione Emilia Romagna, Associazione Culturale Tonino Guerra organizzazione Fo.Cu.S. (Fondazione Culture Santarcangelo). Vernissage domenica 4 luglio ore 18.00 – 20.00 Sede: MUSAS, Museo Storico Archeologico di Santarcangelo, via della Costa 26 – Santarcangelo di Romagna (RN) e fino al 19 settembre 2021.

La mostra, accompagnata da un testo critico di Massimo Pulini, è a cura della galleria romana RvB ARTS che da anni lavora con artisti italiani giovani ed emergenti per divulgare il loro lavoro in Italia e all’estero. Questa manifestazione si inserisce in un ciclo di eventi a Santarcangelo di Romagna, nella cornice del Luoghi dell’Anima – Italian Film Festival, organizzato nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della nascita dello scrittore, poeta e sceneggiatore Tonino Guerra.

Alessandro Sicioldr

L’artista Alessandro Bianchi, in arte Sicioldr (Tarquinia 1990) vanta una preparazione informatica ma la sua vera formazione, umana e professionale, è avvenuta nello studio del padre pittore. Qui infatti apprende l’arte del disegno e della pittura con una attenzione particolare rivolta ai procedimenti tecnici di preparazione dei pigmenti e dei supporti, derivata dal famoso trattato di Cennino Cennini, Il Libro dell’Arte, scritto nei primi anni del Quattrocento. Nonostante la giovane età, Sicioldr ha partecipato a numerose mostre prestigiose manifestando un’abilità tecnica e una capacita visionaria supportata da studi che abbracciano diversi campi disciplinari. Ha tuttavia una profonda cultura artistica, sia come tecnica – magistralmente applicando velature e calibrando composizioni perfettamente equilibrate – sia come conoscenza della Storia dell’arte, passando dai grandi maestri della pittura, dai fiamminghi del Quattrocento fino ai simbolisti, tra i quali spicca una predilezione per Odilon Redon, Böcklin, in poetiche a sfondo psicoanalitico ispirate ad Ernst.

RvB Arts_Alessandro Sicioldr_Annunciazione_olio su tela_70 x 60 cm

Le sue immagini sono colte stratificazioni allegoriche ma trasmettono informazioni visive che hanno a che fare con l’inconscio collettivo e gli archetipi, se vogliamo fare un riferimento junghiano, però sono il risultato di una scelta continua, forse lucida ma in parte inconscia, per mantenersi su di un versante iconografico dal sentore quasi mistico, non lontano dalla convinzione della sacralità della Natura e del corpo/anima come sistema pensante e creativo.

Citiamo dal testo critico di Massimo Pulini “L’essere che giace sul dormiente”

  • Forse in ogni generazione c’è un pittore che non si adatta a parlare la lingua del quotidiano, molla gli ormeggi che lo vorrebbero ancorato ai generi più aggiornati dell’arte, alla sintassi minuta e guardinga del presente, un pittore che decide di abbandonarsi al flusso di un fiume che da molti secoli percorre, in forma carsica, la terra delle immagini. (…) Le visioni alle quali assistiamo hanno qualcosa di ossimorico, risultano infatti degli ‘incubi dolcissimi’, privi di terrore, anzi suadenti e lucidamente lisergici. In fondo l’origine stessa della parola latina incǔbus racconta di un essere che giace sul dormiente. Proprio nel paradosso di riallacciare la delicatezza all’incubo risiede il genio di Alessandro, che ha scelto per pseudonimo Sicioldr, un nome che sembra pronunciato a rovescio, da un inghiottitore di parole. Prima ancora di Ovidio i miti trovarono il loro lievito emozionale nelle metamorfosi degli esseri e nelle sproporzioni dei corpi, nella ritmica silenziosa dei riti e nel sonnambulismo più ieratico. Quel fascino che chiamiamo enigma vive dentro di noi sin dai tempi che Cesare Pavese chiamava ‘degli incontri’, dall’epoca e dai luoghi nei quali, dietro una roccia o nel folto di un bosco, si potevano ancora trovare i messaggi lasciati da un fauno o sorprendere il riposo di una dea. Sicioldr riesce anche oggi ad addentrarsi in quella remota boscaglia cerebrale, nella quale ognuno di noi conserva quel patrimonio arcaico di simboli e di appartenenze. Vi trova la miniera di innesti che i differenti regni possono offrire. Nell’intreccio tra il minerale, il vegetale e l’animale si compie così una nuova nascita. (…)

 INFO: MUSAS – Museo Storico Archeologico di Santarcangelo – info@museisantarcangelo.it tel. 0541625212 – https://focusantarcangelo.it/musas

RvB Arts – info@rvbarts.comwww.rvbarts.com

Ufficio stampa per RvB Arts Roberta Melasecca_Interno 14 next – Melasecca PressOffice – www.melaseccapressoffice.it

 

SHARE
Previous articleLa Scialuppa da Salvatore, l’estate di Fregene ha il sapore del mare
Next articleTeddy George Napoleon, pianista di swing
Carla Guidi
Giornalista (pubblicista) iscritta ODG Lazio, ho collaborato per più di 10 anni con il settimanale (in cartaceo) Telesport, adesso con alcune testate e riviste periodiche, tra queste Abitare a Roma, il Paese delle donne, Malacoda, Lazio ieri ed oggi e Daily Green. Ho scritto alcuni libri sulla memoria storica quali Operazione balena - Unternehmen Walfisch sul rastrellamento nazista del 17 aprile 1944 al Quadraro, giunto alla sua terza edizione (Edilazio 2013); Un ragazzo chiamato Anzio sulle vicende dello sbarco alleato del 1944, alla sua seconda edizione (Onyx 2005/A.Sacco 2013) Estetica anestetica - Il corpo, l’estetica e l’immaginario nell’Italia del Boom economico e verso gli anni di Piombo (Robin edizioni 2018). Sempre per Robin edizioni il libro socio-fotografico in collaborazione con Valter Sambucini e presentazione di Franco Ferrarotti - Città reali, città immaginarie - Migrazioni e metamorfosi creative nelle società nell’Antropocene tra informatizzazione ed iper/urbanizzazione, presentato pochi giorni fa al bookstore del Palaexpo. https://www.palazzoesposizioni.it/evento/presentazione-del-libro-citta-reali-citta-immaginarie-di-carla-guidi Al mio attivo anche alcune pubblicazioni di poesia su tematiche ambientali Come le bestie (Onyx edizioni 2004) La pace che ci meritiamo (Onyx Edizioni 2008), Fatti ad immagine d’Io (Progetto E-Publishing Reti Di Dedalus/Onyx Editrice dicembre 2016) infine ho curato, insieme a Massimo De Simoni l’antologia I poeti incontrano la costituzione (Ediesse editore gennaio 2017). Docente di Disegno e Storia dell’Arte, mi sono occupata anche di Computer Art dal 1981 e mie immagini sono state pubblicate nel volume “Computer image” di Mauro Salvemini (Ed. G.E.Jackson, 1985). Ho gestito una galleria d’Arte negli anni ‘70/’80 ed ho organizzato in seguito varie mostre, manifestazioni e convegni. Dal 1975 mi sono occupata anche di psicoanalisi e dal 1982 sono stata accettata dalla “Società italiana di psicodramma analitico”- SIPSA - in qualità di membro titolare. In seguito ad una formazione quinquennale con trainer internazionali, ho svolto attività di collaborazione presso la Società Medica italiana di Analisi Bioenergetica – SMIAB e sono divenuta membro titolare dell’ “International institute for Bioenergetic analisys” di New York rimanendo iscritta fino al 1995. Attualmente sono stata invitata più volte a relazionare a Convegni Nazionali ANS alla Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione, (Uni Roma 1 Sapienza, via Salaria 113) dal 9 giugno 2016 all’ultimo in ordine di tempo (del 13/12/2019) dal titolo Il Turismo sostenibile in periodo di crisi: una riflessione sociologica.

LEAVE A REPLY