Home C'era una volta James De Preist, il primo direttore nero di un’orchestra sinfonica

James De Preist, il primo direttore nero di un’orchestra sinfonica

SHARE

Il 21 novembre 1936 nasce a Philadelphia, in Pennsylvania, il direttore d’orchestra James De Preist, registrato all’anagrafe come James Anderson De Preist.

Leader precoce

Nipote della cantante Marian Anderson muove i primi passi nella musica pigiando sui tasti bianche e neri del pianoforte all’età di dieci anni, passando poi alla batteria che studia anche con un maestro come Jules Benner. Nel periodo in cui i suoi compagni si accontentano di suonare con l’orchestra scolastica, lui è già il leader di una band da ballo. Negli anni dell’università, colpito dall’ascolto di alcuni dischi incisi da Shelly Manne, scopre il jazz e se ne innamora. Il risultato è la formazione di un quintetto che ottiene da parte della Music Society Of America il riconoscimento di miglior gruppo universitario operante nell’est degli Stati Uniti.

Dal jazz alla musica sinfonica

Nel 1956 a soli vent’anni riveste i ruoli di direttore d’orchestra e di arrangiatore in occasione della prima edizione del Modern Music Festival tenutosi all’università della Pennsylvania. Neppure il servizio militare di leva lo ferma. Nonostante la divisa chiede e ottiene il permesso necessario per partecipare all’edizione del 1959 del Festival del jazz di Philadelphia. L’anno dopo diventa direttore della Contemporary Music Guild e scrive la partitura musicale per un balletto, rappresentato per la prima volta nel febbraio de1 1960 alla Academy of Music di Philadelphia. Nella sua vita DePreist ha realizzato oltre 50 registrazioni, tra cui un ciclo sinfonico di Shostakovich con l’Orchestra filarmonica di Helsinki e 15 registrazioni con l’Oregon Symphony, con opere come la Sinfonia n. 2 di Sergei Rachmaninoff. Muore a Scottsdale l’8 febbraio 2013.

 

SHARE
Previous articleLa violenza non è amore
Next articleL’assassinio di Kennedy
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.dailygreen.it/home/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY