Home C'era una volta La battaglia del Cavern Club

La battaglia del Cavern Club

SHARE

Il 1° marzo 1966 un centinaio di ragazzi occupano il Cavern Club, il locale ricavato da un garage al n° 10 di Mathew Street, nel pieno centro di Liverpool, divenuto famoso in tutto il mondo per aver tenuto a battesimo i Beatles.

Da tempio del jazz a ritrovo del beat

Aperto il 16 gennaio 1957 da Alan Sytner con un concerto della Merseysippi Jazz Band, per molto tempo è stato considerato il tempio del jazz. I primi a rompere con la tradizione sono i Quarry Men di John Lennon che, nell’agosto dello stesso anno, suonarono per la prima volta un paio di brani di rock and roll suscitando le ire di Sytner. Con il passare del tempo e il mutare dei gusti musicali, il locale cambia rotta sostituendo al jazz i suoni e i ritmi del beat. Oltre ai Beatles si può dire che tutti i gruppi protagonisti del Liverpool Sound debuttano in quello strano locale senza finestre. Con il passare degli anni, però, la situazione economica del Cavern tende a peggiorare. Su richiesta di un gruppo di creditori il 22 gennaio 1966 viene accertato che il carico di debiti della sua gestione supera ormai le diecimila sterline. Sei giorni dopo alla proprietà non resta altra scelta che chiudere.

Una vicenda sospetta

La vicenda, così rapida nella sua evoluzione, suscita sospetti, anche perché da tempo l’edificio è al centro di un braccio di ferro della proprietà con le autorità comunali, intenzionate a demolirlo per far posto a un nuovo tratto della metropolitana. La rovina finanziaria e la sua chiusura rendono dunque possibile l’abbattimento dello stabile. Per scongiurare il pericolo viene lanciata una petizione per chiedere che l’edificio venga dichiarato “monumento d’interesse culturale”. Nonostante le migliaia di firme raccolte le autorità cittadine non sembrano intenzionate a cambiare idea. Per questa ragione il 1° marzo 1966 alcuni gruppi di giovani decidono l’occupazione simbolica del Cavern. In poche ore viene loro notificata l’ordinanza di sgombero immediato, sostenuta da uno schieramento impressionante di polizia. La notizia fa rapidamente il giro della città e in breve tempo i cento occupanti iniziali diventano dieci, venti volte di più. Le strade che portano al Cavern vengono chiuse da improvvisate barricate e per ore si susseguono gli scontri e i tentativi di sfondamento. Verso sera la polizia si ritira. Non tornerà più. I giovani hanno vinto la battaglia del Cavern. L’edificio non sarà abbattuto e il locale verrà nuovamente riaperto nel mese di luglio con una cerimonia ufficiale cui parteciperà anche il primo ministro britannico Harold Wilson.

 

 

SHARE
Previous articleFAST: la première di Trujillo
Next articleJoe Rushton, specialista del sassofono basso
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY