Home C'era una volta La targa dei reduci nella spazzatura di Kris Kristofferson

La targa dei reduci nella spazzatura di Kris Kristofferson

SHARE

L’ansia di “normalizzazione culturale” dell’America reaganiana nei primi giorni del luglio 1987 sceglie come bersaglio per i suoi strali uno dei personaggi più popolari dello star system: il popolarissimo cantautore e attore Kris Kristofferson, autore di canzoni come Me and Bobby McGee e interprete di film di successo come “Pat Garrett and Billy The Kid”, “Alice non abita più qui”, “È nata una stella” e “Convoy”.

Una campagna costruita ad arte

La campagna contro di lui, condotta da vari giornali popolari e da numerose reti televisive si basa su un’accusa infamante come quella di aver gettato nella spazzatura una targa ricordo affertagli dai reduci della guerra del Vietnam. La campagna è subdola e mirata perché arriva a pochi giorni da un concerto, svoltosi il 4 luglio, che ha visto Kristofferson insieme ad altri artisti come John Fogerty, l’ex cantante e chitarrista dei Creedence Clearwater Revival, Linda Ronstadt e Neil Diamond raccogliere fondi proprio per le famiglie dei reduci “mandati al macello in una sporca guerra e poi dimenticati”. Non è piaciuta all’establishment reaganiano l’impostazione poco patriottica dell’evento, più volte scandito da slogan contro tutte le guerre.

Ecco la targa non credete alle balle!

A poche ore dall’evento le agenzie diffondono la notizia che la targa donatagli dai reduci per l’occasione, è stata ritrovata in un sacco dei rifiuti sotto casa sua. La campagna va avanti, martellante per un paio di giorni finché, il 6 luglio 1987 il biondo cantante e attore, in una conferenza stampa, mostra la sua targa ai giornalisti sostenendo che il “caso” è stato inventato. Coglie poi l’occasione per dire che è sua intenzione impegnarsi a favore di “tutti i reduci della sporca guerra, anche di quelli vietnamiti”.

 

SHARE
Previous articleFumogeni sui Led Zeppelin
Next articleCOVID-19 e l’impatto sull’ambiente
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY