Home C'era una volta Pronto… Rod Stewart? Sono Jeff Beck

Pronto… Rod Stewart? Sono Jeff Beck

SHARE

Il 10 dicembre 1966, Jeff Beck, da poco orfano degli Yardbirds, alza il telefono e chiama un semisconosciuto cantante scozzese. Il suo nome è Rod Stewart, anche se negli ambienti è conosciuto come Rod The Mod.

Incredibili talenti

Rod Stewart da pochi mesi fa parte degli Shotgun Express, un gruppo di incredibili talenti formato dal futuro leader dei Camel Peter Bardens, dai futuri Bluesbreakers di John Mayall, nonché dai futuri Fleetwood Mac Mick Fleetwood e Peter Green. A completare la formazione ci sono anche Dave Ambrose e da Beryl Marsden. Gli Shotgun Express dopo un solo singolo, I could feel the whole world turn round, sembrano già arrivati alla frutta. Per questa ragione Jeff Beck lo chiama. Pensa a lui per il ruolo di cantante nel gruppo che sta costituendo. Nella telefonata gli racconta che per la banda, che si chiamerà semplicemente Jeff Beck Group, ha già reclutato l’ex Birds Ron Wood alla chitarra e all’occorrenza al basso, l’ex batterista dei Pretty Things Viv Prince e l’ex bassista degli Shadows Jet Harris. Rod Stewart tergiversa un po’ poi si lascia convincere.

Il Jeff Beck Group

Nasce così la prima formazione del Jeff Beck Group, un ensemble destinato a lasciare più un segno per la sua instabilità che per le tracce su disco. Ben presto, infatti, Prince e Harris se ne andranno e verranno sostituiti dall’ex batterista dei Tridents Ray Cooke e dal bassista Dave Ambrose. Successivamente anche Cooke e Ambrose lasceranno la band determinando il passaggio di Ron Wood al basso, e l’arrivo di ben tre batteristi in successione: prima Rod Colombes, poi Aynsley Dunball e infine Mickey Waller. Nell’estate del 1969, dopo un pugno di dischi, anche Rod Stewart deciderà di cambiare aria. Con lui se andrà anche Ron Wood. Insieme si uniranno agli Small Faces, da poco orfani di Steve Marriott, andatosene per formare gli Humble Pie e dall’unione prenderà il via una nuova fantastica storia, quella dei Faces.

 

SHARE
Previous articleOn line il nuovo WebGis Acque di Lombardia
Next articleTorna il Festival Europeo di Poesia Ambientale
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY