Home Eco Culture Se volessimo ancora salvare la terra

Se volessimo ancora salvare la terra

SHARE

“Se volessimo ancora salvare la terra” è il titolo della retrospettiva del maestro Mario Moretti, dal 6 al 15 settembre 2022 alle Scuderie Estensi in p.za Garibaldi di Tivoli, organizzata dal Centro Internazionale “Antinoo per l’Arte” Centro Documentazione Marguerite Yourcenar Fondazione Terzo Pilastro Internazionale, Palazzo Cipolla – Dipartimento Archivi – www.centroantinoo-yourcenar.itcentro.internazionale.antinoo@gmail.com – Info: tel. 333 5025102

          Questa mostra è inclusa nell’ambito del Settembre Tiburtino – dal 3 settembre al 23 ottobre sempre alle Scuderie Estensi, giunto alla 74esima edizione, cioè la manifestazione, organizzata dal Comune per celebrare la fine dell’estate e dare il benvenuto all’autunno. In questo ambito può assistere a manifestazioni artistico/culturali di altissimo livello, non secondariamente ispirate alla storia ed la memoria della Valle dell’Aniene, ma con un’attenzione particolare all’ambiente che ci è molto caro, prezioso e fragile.

Mario Moretti (Roma, 1937 – Roma, 2017) ha vissuto e lavorato a Roma, alternando con dei soggiorni-lavoro a Parigi ed all’isola d’Elba. Ha iniziato a dipingere negli anni Cinquanta, partecipando alla corrente della “Nuova Figurazione”, legandosi con rapporti d’amicizia con Ennio Calabria, Piero Guccione, Giacomo Porzano, Carlo Cattaneo, Giovanni Omiccioli, Antonio Corpora e molti altri.

Negli anni ’70 ha dedicato una serie di acqueforti a Giorgio Morandi, pittore e incisore tra i suoi preferiti, ma di fatto ha sempre prediletto la pittura di paesaggio, anche se le visioni che restituisce ci rimandano a percorsi interiori, senza presenze umane, fortemente astratti e poetici, immersi in una luce vibrante senza ombre nette, dove tutta la natura acquista come un’eternità, quasi un desiderio di salvezza dalle brutture dell’inquinamento causato dall’uomo. Negli ultimi anni, dopo una parentesi dedicata a Roma, l’artista si è dedicato al ciclo sui “Deserti”, tema che esprime in sintesi questo concetto.

Ha esposto in diverse città d’Europa, tra cui Londra, Brighton, Parigi, Madrid, Barcellona, Losanna, Ginevra, Skagen, Bruxelles, Il Cairo e nelle principali città italiane, come Torino, Milano, Brescia, Bergamo, Bologna, Reggio Emilia, Firenze, Arezzo, Roma, Napoli, Bari, Taranto, Catania. Ha partecipato, giovanissimo, alla VIII Quadriennale Romana, e nel 1992 alla X Biennale d’Arte di Barcellona. A Roma espone alla galleria Il Narciso, dove ha presentato una personale nel maggio 2007. Nel febbraio 2008 è presente con una mostra a Palazzo Gazzoli a Terni, è del 2010 un’altra importante antologica a Palazzo Valentini, a Roma. Nel 2011, è stato invitato alla 54° Biennale di Venezia.

Da sinistra Corrado Sabato, Massimo Domenicucci, Laura Monachesi, Gemma Umani Ronchi, Carla Guidi, Sonja Peter, Placido Scandurra, Michele Amici, in ginocchio Gianni De Santis

Dal testo di Gabriele Simongini: Tutte le sfumature dell’infinito

La pittura di Mario Moretti è respiro. I colori recano con sé un soffio di vita (pneuma avrebbero detto i Greci e i Latini), sembrano promanare direttamente dai polmoni e dall’anima dell’artista in una inscindibile totalità psicofisica che evoca anche una sorta di ineffabile respiro cosmico e universale dato dall’identificazione completa di spazio e luce. […] Da molte opere di Moretti affiora un’anima atmosferica in cui l’infinito naturale e l’infinito psichico si sovrappongono fino a non distinguersi più, tanto che la terra, il cielo, il mare, i boschi si fanno tutt’uno con la più profonda interiorità dell’artista. Così guardi i quadri, cerchi una memoria di natura e trovi l’anima. […] CENTRO STUDI ARTE CONTEMPORANEA info + 39 347 3735109

  • La mostra proseguirà a Roma dal 22 settembre al 23 ottobre in Palazzo Santa Chiara – p.za Santa Chiara – ROMA – Inaugurazione 22 Settembre ore 18 – mentre il 30 Settembre ore 16 è indetto un Convegno nella Sala Spadolini – Collegio Romano, Ministero della Cultura ROMA – Moderatore Pierluigi Sassi.
  • Un ringraziamento particolare a Laura Monachesi (in foto) fondatrice e anima di Antinoo Centro Internazionale per l’Arte, ideatrice della Mostra; a Luigi Romiti, Presidente del Centro Antinoo, a Michele Amici, senza il cui prezioso contributo di lavoro niente si sarebbe potuto realizzare; a Giulio Lotti, coordinamento editoriale, all’arch. Massimo Domenicucci, al sindaco del Comune di Tivoli Giuseppe Proietti ed a tutti i collaboratori che si sono prodigati con entusiasmo per la realizzazione di questo triplice evento.
Previous articleLa curcuma contro i radicali liberi
Next articleOscar Pettiford, l’innovatore del contrabbasso nel jazz
Carla Guidi
Giornalista (pubblicista) iscritta ODG Lazio, ho collaborato per più di 10 anni con il settimanale (in cartaceo) Telesport, adesso con alcune testate e riviste periodiche, tra queste Abitare a Roma, il Paese delle donne, Malacoda, Lazio ieri ed oggi e Daily Green. Ho scritto alcuni libri sulla memoria storica quali Operazione balena - Unternehmen Walfisch sul rastrellamento nazista del 17 aprile 1944 al Quadraro, giunto alla sua terza edizione (Edilazio 2013); Un ragazzo chiamato Anzio sulle vicende dello sbarco alleato del 1944, alla sua seconda edizione (Onyx 2005/A.Sacco 2013) Estetica anestetica - Il corpo, l’estetica e l’immaginario nell’Italia del Boom economico e verso gli anni di Piombo (Robin edizioni 2018). Sempre per Robin edizioni il libro socio-fotografico in collaborazione con Valter Sambucini e presentazione di Franco Ferrarotti - Città reali, città immaginarie - Migrazioni e metamorfosi creative nelle società nell’Antropocene tra informatizzazione ed iper/urbanizzazione, presentato pochi giorni fa al bookstore del Palaexpo. https://www.palazzoesposizioni.it/evento/presentazione-del-libro-citta-reali-citta-immaginarie-di-carla-guidi Al mio attivo anche alcune pubblicazioni di poesia su tematiche ambientali Come le bestie (Onyx edizioni 2004) La pace che ci meritiamo (Onyx Edizioni 2008), Fatti ad immagine d’Io (Progetto E-Publishing Reti Di Dedalus/Onyx Editrice dicembre 2016) infine ho curato, insieme a Massimo De Simoni l’antologia I poeti incontrano la costituzione (Ediesse editore gennaio 2017). Docente di Disegno e Storia dell’Arte, mi sono occupata anche di Computer Art dal 1981 e mie immagini sono state pubblicate nel volume “Computer image” di Mauro Salvemini (Ed. G.E.Jackson, 1985). Ho gestito una galleria d’Arte negli anni ‘70/’80 ed ho organizzato in seguito varie mostre, manifestazioni e convegni. Dal 1975 mi sono occupata anche di psicoanalisi e dal 1982 sono stata accettata dalla “Società italiana di psicodramma analitico”- SIPSA - in qualità di membro titolare. In seguito ad una formazione quinquennale con trainer internazionali, ho svolto attività di collaborazione presso la Società Medica italiana di Analisi Bioenergetica – SMIAB e sono divenuta membro titolare dell’ “International institute for Bioenergetic analisys” di New York rimanendo iscritta fino al 1995. Attualmente sono stata invitata più volte a relazionare a Convegni Nazionali ANS alla Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione, (Uni Roma 1 Sapienza, via Salaria 113) dal 9 giugno 2016 all’ultimo in ordine di tempo (del 13/12/2019) dal titolo Il Turismo sostenibile in periodo di crisi: una riflessione sociologica.