Home C'era una volta Teddy Reno, cantante, discografico e talent scout

Teddy Reno, cantante, discografico e talent scout

SHARE

L’11 luglio 1926 nasce a Trieste Teddy Reno, uno dei più eclettici personaggi della scena musicale italiana del dopoguerra.

Cantante confidenziale

Tra i più amati interpreti di quel genere che negli Stati Uniti chiamano “confidential song” è anche attore, discografico, organizzatore di alcuni tra i più importanti eventi musicali degli anni Sessanta e grande talent scout. Proprio sul palcoscenico del Festival degli Sconosciuti di Ariccia, la sua creatura più feconda, muovono i primi passi artisti destinati al successo come i Rokes, Mal, Marcella, Edoardo Vianello, Claudio Baglioni e tanti altri. Al suo fiuto sopraffino si deve la scoperta e il grande successo di Rita Pavone che, anche grazie alle sue cure diventerà, sempre negli anni Sessanta, la prima pop star adolescenziale femminile della storia della musica italiana. La sua eclettica genialità rischia di oscurare il suo talento canoro, cristallino e sostenuto da una voce ben impostata capace di passare con facilità e senza perdere smalto dalla melodia tradizionale, allo swing e, grazie anche alla perfetta conoscenza dell’inglese, ai classici dei “crooner” d’oltreoceano. Proprio per la ricchezza del suo repertorio e la capacità di muoversi con disinvoltura tra stili anche molto differenti all’inizio degli anni Cinquanta gode di una notevole popolarità anche al di fuori dei confini italiani, in particolare nei paesi dell’America Latina.

Gli inizi a Radio Triste

All’anagrafe si chiama Ferruccio Merk. La famiglia vorrebbe farne un avvocato e lui, dopo il Liceo Classico, se ne va a Milano per frequentare la facoltà di Giurisprudenza presso la locale Università. Accanto allo studio coltiva la passione per la musica e si esibisce nei locali con un repertorio che comprende anche canzoni in inglese, lingua imparata dagli anglo-americani negli anni dell’occupazione alleata della sua città natale. La sua popolarità cresce grazie alle esibizioni ai microfoni di Radio Trieste da cui lancia Eterno ritornello (Te voio ben) la sua prima canzone di successo. Nel 1948, con l’aiuto finanziario del padre fonda la CGD (Compagnia Generale del Disco) affiancando all’attività di cantante quella di talent-scout e discografico. Nel 1953 partecipa al Festival di Sanremo piazzandosi al secondo posto con Campanaro in coppia con Nilla Pizzi e al terzo con la canzone Lasciami cantare una canzone insieme ad Achille Togliani. Nel 1959 vince il Festival di Napoli con Sarà chissà di Roberto Murolo. Nel 1962 organizza la prima edizione del Festival degli Sconosciuti di Ariccia, una manifestazione destinata a lanciare un gran numero di protagonisti della musica leggera. La prima edizione viene vinta da Rita Pavone, di cui diventerà produttore, manager e infine anche marito. Pur riducendo progressivamente il suo impegno non abbandona mai del tutto l’ambiente musicale e nel 2007 pubblica l’album Se questo non è amore.

 

SHARE
Previous articleQuest’estate la bellezza è green
Next articleArmand’Ary: songo frangesa e vengo da Parigi
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY