Home C'era una volta Lilian Terry, l’italiana d’Egitto

Lilian Terry, l’italiana d’Egitto

SHARE

Il 15 dicembre 1930 nasce a Il Cairo, in Egitto, la cantante Lilian Terry. Suo padre è maltese e la madre italiana.

La prima cantante jazz in TV

A nove anni inizia a studiare pianoforte e a diciassette, quando ormai si è trasferita a Roma con la famiglia, si diploma presso l’Accademia di Santa Cecilia. Pochi anni dopo il diploma Lilian è una delle ospiti fisse del Circolo del Jazz della capitale. Nel 1953 è la prima cantante jazz ad apparire in video, con Nicola Arigliano e Memo Remigi, in una trasmissione sperimentale della sede RAI di Milano. L’anno dopo conduce il programma radiofonico “Canta Lilian Terry” che la rivela al grande pubblico. La sua popolarità è destinata ad allargarsi a macchia d’olio dopo la partecipazione a programmi televisivi di grande successo come “Totò club” e “Il mattatore” con Vittorio Gassman. È una delle pochissime voci femminili del jazz italiano che riesca ad affermarsi senza rinunciare alle sue radici.

Instancabile promotrice di musica

Nel 1962 conduce il programma televisivo “Abito da sera” nel quale canta con una lunga serie di jazzisti italiani e stranieri. In questo periodo raggiunge l’apice del successo commerciale con il brano My hearts belongs to daddy. Fino al 1969 partecipa a moltissime manifestazioni musicali in tutto il mondo, lavora alla realizzazione di varie colonne sonore, conduce trasmissioni radiotelevisive e pubblica numerosi dischi. Successivamente, però, sceglie di ridurre l’attività di cantante privilegiando quella di organizzatrice e conduttrice di programmi radiotelevisivi. Tra i suoi impegni c’è anche quello di promozione della musica jazzistica nell’ambito della Federazione Jazz di cui è socia fondatrice.

15

SHARE
Previous articleAmundsen conquista l’Antartide
Next articleLee Van Cleef, il brutale cacciatore d’uomini arrivato dal teatro
Gianni Lucini
Scrivere è il mio principale mestiere, comunicare una specializzazione acquisita sul campo. Oltre che per comunicare scrivo anche per il teatro (tanto), il cinema e la TV. È difficile raccontare un'esperienza lunga una vita. Negli anni Settanta ho vissuto la mia prima solida esperienza giornalistica nel settimanale torinese "Nuovasocietà" e alla fine di quel decennio mi sono fatto le ossa nella difficile arte di addetto stampa in un campo complesso come quello degli eventi speciali e dei tour musicali. Ho collaborato con un'infinità di riviste, alcune le ho anche dirette e altre le dirigo ancora. Ho organizzato Uffici Stampa per eventi, manifestazioni e campagne. Ho formato decine di persone oggi impegnate con successo nel settore del giornalismo e della comunicazione. Ho scritto e sceneggiato spot e videogiochi. Come responsabile di campagne di immagine e di comunicazione ho operato anche al di fuori dei confini nazionali arrivando fino in Asia e in America Latina. Dal 1999 al 2007 mi sono occupato di storia e critica musicale sul quotidiano "Liberazione".

LEAVE A REPLY